Chi è Dan Friedkin
Dan Friedkin (foto Facebook Friedkin Group)

L’emergenza sanitaria legata al coronavirus in Italia continua a rallentare anche la trattativa tra James Pallotta e Dan Friedkin per la Roma. Affare che prosegue sotto traccia, tuttavia, in attesa di capire cosa succederà alla Serie A nelle prossime settimane.

Come riporta la Gazzetta dello Sport, per questo Friedkin e i suoi legali starebbero valutando una sorta di piano B, anche perché l’effetto coronavirus potrebbe variare anche il giusto valore dato alla società giallorossa, considerando anche le continue perdite in Borsa: il titolo ieri ha perso il 20,6%, rischiando anche la sospensione per eccesso di ribasso e con la Consob che potrebbe aprire un’indagine per verificare eventuali irregolarità. 

Friedkin potrebbe così completare la restante parte dell’aumento di capitale, versando 50 milioni sui circa 150 milioni deliberati. Così, il magnate texano diventerebbe socio di minoranza di Pallotta, ma con l’impegno, entro sei mesi, di rilevare la maggioranza nel momento in cui nel calcio italiano ed europeo la situazione si sia normalizzata.

In questo modo, potrebbe bloccare il suo investimento, potendo intervenire allo stesso tempo in prima persone sulle strategie anche di mercato e garantendosi tuttavia una via d’uscita nel caso la situazione addirittura peggiori. Pallotta e i suoi attuali soci, intanto, hanno già garantito che il club riceverà adeguato supporto economico, una garanzia nel caso in cui l’affare con Friedkin non vada in porto.

SEGUI LO SPORT LIVE E ON DEMAND SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here