Advent diritti tv Serie A
(foto Insidefoto.com)

“C’è una nuova possibilità per le partite in chiaro. Oggi ho avuto vari contatti telefonici con i vertici del calcio, le reti tv e l’Agcom, perché continuo a pensare che, in questo momento, sia importante offrire uno svago ai cittadini in casa. C’è una soluzione possibile, sulla quale aspettiamo le valutazioni della Lega di A. Per questo ho scritto di nuovo al presidente Dal Pino. Attendiamo risposta”. Il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, è tornato alla carica, rinnovando la richiesta per la trasmissione delle partite di Serie A in chiaro, vista la crescente emergenza dopo diffondersi del coronavirus, che ha portato alla decisione di giocare i match a porte chiuse.

Nella giornata di ieri, la Lega Serie A aveva chiuso all’ipotesi. “Pur comprendendo e condividendo le finalità alla base della richiesta del Ministro Spadafora, volta, in un momento di massima emergenza per il Paese, a valutare la possibilità di consentire la libera fruizione televisiva del campionato di Serie A TIM, la Lega Serie A rileva che il quadro normativo vigente, e gli obblighi contrattuali già assunti, non consentono di potervi aderire”. Questa era stata la risposta all’Ansa della Lega di A alla richiesta del ministro dello Sport Spadafora di trasmettere in chiaro le partite di campionato di questo turno che si disputeranno a porte chiuse per l’emergenza coronavirus.

“La Lega di Serie A – riferisce all’ANSA una fonte qualificata del Ministero dello Sport – potrebbe deliberare domani il suo ok alla trasmissione in chiaro delle partite dei prossimi due giorni, ma solo se arriverà il nulla osta da parte di Sky”.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO