Stipendio minimo calciatore serie a
Serie A (Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

“Ho accettato questo incarico perché penso ci siano una sfida bellissima: la trasformazione attiva della Serie A, in una media company competitiva su scala internazionale”. La missione di Paolo Dal Pino, 58enne manager delle telco e neo presidente della Lega Serie A, è stata messa nero su bianco fin da subito, nella prima conferenza stampa dopo la sua elezione: massima attenzione all’immagine internazionale del campionato italiano. Un elemento su cui la Lega è rimasta ferma negli ultimi anni, mentre gli altri tornei correvano.

Basta dare uno sguardo ai ricavi da diritti tv per l’estero dei top campionati. Nel corso dell’attuale contratto, la Premier League inglese incassa 1,7 miliardi di euro a stagione (stando ai dati Uefa) mentre la Liga spagnola riceve 1,5 miliardi l’anno, poco meno di quattro volte i numeri che fa segnare la nostra Serie A (371 milioni l’anno nel triennio 2018/21), seppur meglio di Bundesliga (280 milioni annui) e Ligue 1 (80 milioni annui).

Numeri quasi raddoppiati per l’Italia rispetto al triennio precedente (191 milioni annui), in cui il cartello IMG-MP Silva-B4 aveva creato un danno come spiegato dall’Antistrust, ma ancora decisamente lontani da quelli dei top campionati. E lo stesso vale anche per la Supercoppa, che in Italia è organizzata dalla Lega e farla giocare in Arabia Saudita è valsa 7,5 milioni in ricavi contro gli oltre 50 milioni della Supercoppa di Spagna, organizzata dalla Federcalcio spagnola con un format in stile final four.

“Sappiamo quanto prende la Liga dai diritti internazionali, non so se e come saremo in grado di far crescere i ricavi internazionali ma stiamo già lavorando – le parole di Dal Pino -. Ci vuole più presenza della Lega di A, devi vendere e poi essere in giro per il mondo a portare leggende in campo, parlare con operatori”.  Temi su cui la Lega, come detto, sta già lavorando, a partire dalla presenza all’estero: il primo ufficio sarà aperto a New York, ne saranno aperti altri a Londra, Shanghai e Doha. Ma anche qui la Serie A arriva ultima, con la Liga che ha già 10 uffici fuori dalla Spagna con 41 persone e altri 46 delegati per raggiungere complessivamente 84 paesi.

ARTICOLO DI CF – CALCIOEFINANZA SU IL FOGLIO SPORTIVO

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

1 COMMENTO

  1. sono molto deluso da andrea agnelli che in 10 anni in Lega non ha fatto nulla per aumentare l’attratività all’estero della serieA. La Serie A dovrebbe fare quello che fa per esempio Tebas per la Liga.Libertà di tesseramento degli extracomunitari per rendere il campionato commercialmente tecnicamente e atleticamente più attrattivo. Sito internet bellissimo e ricco di informazioni tradotto in più lingue. Campi perfetti, stadi colorati del colore della squadra di casa,produzione televisiva grandiosa con statistiche,replay a 360° e heat map in tempo reale. Cartellonistica pubblicitaria non invadente.Prime file delle tribune sempre piene per rendere televisivamente parlando attrattive tutte le partite. E invece de siervo cosa ha fatto? Nulla. E cosa fa la Lega a proposito? Nulla.E cosi la serie A è la penultima lega top europea solo prima della Ligue1.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here