ludogorets inter in streaming
Lautaro Martinez (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Niente ottavi di Champions League per l’Inter, che scivola in Europa League. Tuttavia, la distribuzione dei premi nella competizione maggiore ha già garantito una fetta corposa di ricavi per la società nerazzurra.

La mancata qualificazione incide per circa 12 milioni di euro sui premi. La situazione attuale vede i nerazzurri avere guadagnato 41,2 milioni di euro, senza considerare la seconda parte del market pool (che può valere da un minimo di 3,4 a un massimo di 5,4 milioni, cifra che dipenderà da quanto andranno avanti Juventus, Napoli ed Atalanta): centrare la fase ad eliminazione diretta con una vittoria ieri avrebbe garantito 52,9 milioni di euro, sempre senza la seconda parte di market pool (che sarebbe valsa da un minimo di 4,3 milioni a un massimo di 6,7).

La differenza tra la qualificazione agli ottavi e l’eliminazione è quindi di circa 12 milioni per l’Inter. Un guadagno mancato che il club nerazzurro potrebbe colmare interamente solo andando fino in fondo all’Europa League, da cui ha già incassato 500mila euro come quota per l’accesso ai sedicesimi.

Nel dettaglio, infatti, arrivare fino a vincere la coppa garantirebbe 14 milioni di euro in soli premi (tra i quali i 500mila euro di cui sopra), senza considerare la quota relativa di market pool dall’Europa League. Questa la suddivisione dei premi per ciascuna fase ad eliminazione diretta:

  • qualificazione ai sedicesimi: 500mila euro a club
  • qualificazione agli ottavi di finale: 1,1 milioni di euro a club
    • qualificazione ai quarti di finale: 1,5 milioni di euro a club
    • qualificazione alle semifinali: 2,4 milioni di euro a club
    • qualificazione alla finale: 4,5 milioni di euro a club
    • La vincente della finale di UEFA Europa League riceverà 4 milioni di euro supplementari.

Inoltre, chi conquisterà la coppa parteciperà alla Supercoppa europea, con ricavi per altri 3,5 milioni di euro. Un percorso lungo e complesso, quindi, per pareggiare i ricavi di una sola partita in più in Champions League.

SEGUI LIVE I SORTEGGI DEI SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE SUI CANALI EUROSPORT DI DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

4 COMMENTI

  1. giocare L’Europa League porta pochi soldi (anche come incassi allo stadio) ma vincerla probabilmente è meglio che andare avanti di qualche turno in Champions.
    Se non sbaglio vincere l’Europa League oltre alla partecipazione alla supercoppa:
    – ti fa essere testa di serie alla Champions dell’anno dopo (e anzichè partire in terza fascia cambia il mondo
    – da quanto si dice dovrebbe farti partecipare al prossimo Mondiale Per Club della FIFA (alias torneo dell’amicizia) che dovrebbe portare un bel pò di soldi…

    Quindi serve non snobbarla e provare a vincerla, non sarà facile, ma è alla portata

    • Esatto, quello che molte squadre italiane negli ultimi anni sembrano non comprendere è che l’Europa League, seppur portando premi di molto inferiori rispetto alla Champions, è fondamentale per un altro motivo: l’accesso a quest’ultima.
      Premesso che comunque una ventina di milioni in più (a cui si aggiunge poi il botteghino) in caso di vittoria non fa certo schifo, la stessa vittoria porta automaticamente l’accesso in Champions da testa di serie, indipendentemente dalla posizione in campionato. Per le squadre italiane, che tranne la Juventus navigano spesso tra la terza e la quarta fascia, la differenza sarebbe notevole. Per l’Inter ad esempio, un girone al posto del Chelsea con Ajax, Valencia e Lille sarebbe stato probabilmente molto più abbordabile.
      Inoltre vorrei aggiungere un’altra considerazione prendendo spunto da alcune esperienze italiane degli ultimi anni: uscire dall’Europa per puntare allo Scudetto è molto probabile che non dia i risultati sperati. Come insegna l’ultimo Napoli di Sarri, non sempre vale l’equazione eliminazione = Scudetto per le minori partite da giocare. Soprattutto poi il campionato è imprevedibile, nel malaugurato caso magari di perdita dello scudetto all’ultima giornata a mio avviso fa una certa differenza poter dire “buttiamoci sulla finale di Europa League e andiamo a vincerla” oppure “fallimento della stagione”