Fabio Paratici, (Foto Luca Pagliaricci / Insidefoto)
Fabio Paratici, (Foto Luca Pagliaricci / Insidefoto)

Nella serata di ieri è andato in scena il Gran Galà del Calcio 2019. Tra i premiati anche diversi calciatori della Juventus, presenti sotto lo sguardo vigile di Fabio Paratici. Il direttore sportivo bianconero ha parlato a margine dell’evento, facendo il punto sulla stagione e sul tema mercato: «Anche in altre stagioni in questo periodo del campionato siamo stati in questa posizione in classifica, anche più indietro e poi abbiamo recuperato».

«Siamo solo a dicembre, stiamo facendo un ottimo campionato, abbiamo fatto tantissimi punti, l’Inter uno più di noi ed è stata bravissima», ha sottolineato. «Siamo abituati ad avere grandi pressioni, sappiamo di dover competere per vincere ogni competizione che giochiamo. Non ci preoccupa questo».

A proposito dell’ultima gara con il Sassuolo, il ds ha aggiunto: «Ci danno fastidio le critiche a Buffon: Gigi, Bonucci, Barzagli, Chiellini, sono degli eroi calcistici che abbiamo avuto noi in questi anni. Grandi persone e grandi giocatori. Buffon è un un’icona del calcio mondiale, il miglior portiere della storia del calcio e una persona di grandissimo spessore».

Inevitabile una domanda su Cristiano Ronaldo: «Cosa penso quando sento dire che Cristiano Ronaldo è un problema per la Juve? Sorrido, i problemi sono altri. Stasera sarà qui (ieri ndr), voleva dimostrare di essere il numero uno anche in Italia. Noi pensavamo meritasse di vincere anche il Pallone d’Oro. Ci sarà anche nella prossima stagione CR7? Sì, senza dubbio. Riconquistare il Pallone d’Oro è uno dei suoi obiettivi e noi proveremo a supportarlo magari facendo una grande Champions».

Il dirigente ha chiuso parlando di mercato: «In entrata non faremo niente, in uscita forse nemmeno. C’è forse la possibilità Mandzukic: abbiamo deciso con lui di prendere questo periodo in cui lui potesse scegliere serenamente fra tutte le opportunità, a tempo debito faremo le giuste valutazioni e sceglierà dove andare. Dybala fino al 2024? Non ne stiamo parlando, ma Paulo è il nostro numero 10 e affronteremo il discorso a tempo debito. Turati? Gli faccio i complimenti, sono felice per lui».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

2 COMMENTI

  1. Certo che ci sarà l’anno prossimo, anche perché ad oggi deve ancora sapere dimostrare di saper cedere un giocatore che sia uno…
    Parecchi hanno ingaggi fuori mercato, lo stesso Ronaldo siamo sicuri che esista una società al mondo (Cina compresa) che investirebbe quelle cifre?

  2. Certo che resterà anche la prossima stagione.
    E anche quella dopo.
    Ringrazierà sentitamente e saluterà affettuosamente il 30 Giugno 2022, a 37 anni e mezzo.
    A meno di un rinnovo, sempre possibile con due “manager” lungimiranti come Agnelli e Paratici.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here