Premier League (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Un rivenditore di Londra è stato condannato dal tribunale di Londra per la vendita di dispositivi di streaming illegale (ISD) che hanno dato accesso a trasmissioni non autorizzate della Premier League e altri contenuti.

Ammar Al-Silawi, 39 anni, è stato dichiarato colpevole di due accuse di copyright e due accuse di frode, essendo stato scoperto che vendeva ISD che fornivano un accesso illegale a una serie di canali, compresi quelli del servizio pirata beoutQ, da un negozio di Edgware Road, Londra, W2.

Il processo si è svolto giovedì 12 settembre, con la condanna resa nota ieri ieri presso il tribunale dei magistrati di Westminster. Al-Silawi ha ricevuto un massimo di 300 ore di servizio comunitario non retribuito ed è stato condannato a pagare le spese legali alla Premier League.  L’imputato è stato anche avvertito che il mancato rispetto della sentenza comporterà la detenzione immediata.

La Premier League ha perseguito il caso a seguito di un’indagine condotta in collaborazione con la Federation Against Copyright Theft (FACT), con l’assistenza della polizia metropolitana.

Questo è il primo caso nel suo genere, con la Premier League che sostiene con successo che nella vendita dei set-top box, Al-Silawi si è reso colpevole del reato di vendere al pubblico copie in violazione delle opere protette da copyright.

Il servizio pirata beoutQ, i cui canali sono stati resi disponibili sugli ISD venduti da Al-Silawi, ha fornito illegalmente accesso alla Premier League e ad altri contenuti sportivi sin dal suo lancio nel 2017.

Oltre a lavorare collettivamente con altri enti calcistici per combattere il servizio beoutQ, la Premier League è impegnata ad agire contro i rivenditori del servizio pirata come Al-Silawi.

Questo caso fa parte della più ampia strategia della Premier League per affrontare i fornitori di contenuti piratati a tutti i livelli.

A luglio, ad esempio, gli investigatori della FACT hanno lavorato con la Premier League e le forze dell’ordine del Regno Unito per visitare sedici locali in tutto il Regno Unito per fornire avvisi a persone sospettate di fornire contenuti sportivi in ​​streaming illegali.

Il direttore dei servizi legali della Premier League Kevin Plumb ha dichiarato: “La legge è molto chiara sul fatto che la vendita di ISD è illegale ed è un problema preso molto sul serio sia dalla polizia che dai tribunali”.

“Continueremo a indagare e perseguire tutti i fornitori di servizi di streaming illegali, indipendentemente dalle dimensioni o dalla scala delle loro operazioni, per proteggere la proprietà intellettuale che consente alla Premier League di essere così competitiva e avvincente.

 

“Affrontare i problemi creati dalla situazione senza precedenti di beoutQ rimane una priorità fondamentale della Premier League e lavoreremo instancabilmente per supportare beIN Sports, così come tutte le altre emittenti e fan che acquisiscono legittimamente i nostri contenuti”.

Kieron Sharp, Amministratore delegato della FACT ha aggiunto: “Stiamo lavorando con i nostri membri, compresa la Premier League, per rimuovere i venditori di dispositivi illegali dal mercato e consegnarli alla giustizia e abbiamo avuto un notevole successo.

“Il messaggio ora è inequivocabile; se vendi un dispositivo che fornisce l’accesso a contenuti che non sono autorizzati o di proprietà di te, dovrai affrontare una condanna penale”.

“I rivenditori illeciti dovrebbero essere consapevoli dell’opinione della Corte secondo cui ignorare un cessate e desistere l’avviso è stato un chiaro fattore aggravante in questo caso”.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here