I due progetti per il nuovo stadio di Milano
I due progetti per il nuovo stadio di Milano

L’impegno di Milan e Inter per la costruzione di un nuovo stadio nella città di Milano al posto del glorioso ma vetusto San Siro potrebbe essere vanificato dall’opposizione della politica.

Secondo quanto riferito dal Sole 24 Ore attualmente in consiglio comunale i contrari al progetto sarebbero in maggioranza rispetto a coloro che vedono di buon occhio la mossa di Inter e Milan.

Dei 48 consiglieri – scrive Il Sole 24 Ore – «ad oggi 20 si esprimono con chiarezza per il no; 7 si dichiarano tendenzialmente non favorevoli; 19 indecisi e aperti al dialogo; 2 favorevoli, di cui uno manifestamente.

Si tratta di Stefano Parisi, lo sfidante di Giuseppe Sala alle ultime elezioni amministrative, alla guida dell’ allora coalizione di centrodestra. È stato lui a definire il nuovo progetto un’ occasione per la città di crescere, da realizzare senza indugi.

Gli altri consiglieri invece si sono dimostrati ben più tiepidi, soprattutto di fronte all’ incalzante campagna mediatica voluta dalle squadre, che li ha in qualche modo scavalcati.

Nettamente contrari la Lega e le liste civiche di sinistra; negativi anche i membri di Forza Italia (tranne un’ eccezione). Molti indecisi nel Pd e nelle altre liste civiche.

Queste ultime settimane sono state decisive. Se da una parte i vertici delle società calcistiche hanno incontrato per la prima volta i capigruppo il 18 settembre, dall’altra già circolavano sotto forma di anticipazioni i disegni dei progetti.

Dopo qualche giorno sono usciti i rendering veri e propri dei due possibili stadi, ancora prima della presentazione ufficiale alla città da parte delle due squadre.

Sono poi stati presentati ufficialmente alla città e ai tifosi i due progetti, gli “Anelli di Milano” e la “Cattedrale”. Il tutto improntato a raccogliere consenso tra le persone prima ancora che a Palazzo Marino.

I progetti, inizialmente, erano quattro, ma le squadre ne hanno scartati due, anche questo senza coinvolgere i politici locali, che ancora chiedono trasparenza su questo fronte.

Il risultato, sottolinea ancora Il Sole 24 Ore, è stato però raggiunto: il dibattito sui giornali si è spostato dal possibile restyling di San Siro alla ricerca di dettagli sulle nuove possibili strutture e sul nuovo quartiere.

Per Inter e Milan, chiaramente riqualificare San Siro non conviene, anche se da Palazzo Marino era questa la richiesta principale.

Il costo sarebbe pari a 510 milioni, per una durata di 5-6 anni, con il rischio peraltro di non essere pronti per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali 2026; la nuova struttura costerebbe invece 650 milioni (senza considerare le strutture adiacenti al nuovo impianto) e sarebbe pronta fra 3 anni. Il dibattito fra le due alternative non si è quindi neppure aperto.

Non solo. Le due squadre hanno detto che un diniego di Milano comporterebbe un possibile trasferimento a Sesto San Giovanni, nell’ ex area Falck, dove l’ ad Giuseppe Bonomi ha già manifestato il suo consenso. E hanno pure confezionato, sostituendosi ai partiti, un sondaggio a uso dei politici, in cui si sottolinea che chi dice no allo stadio rischia di perdere voti.

A metà ottobre ci sarà il voto consiliare che dichiarerà o meno “l’interesse pubblico” del progetto.

Prima Palazzo Marino approverà entro il 15 ottobre il Pgt, poi sarà la volta dello stadio.

La legge sugli stadi non prevede l’obbligo di passare dal consiglio comunale in questa fase preliminare, tuttavia l’ amministrazione ha preferito avere un via libera in modo inequivoco.

La giunta poi darà il suo parere sulla base dell’ indirizzo avuto dai consiglieri.

Bisogna infine considerare un’ultima variabile: i lavori per il nuovo stadio dovrebbero partire all’ inizio del 2021, a ridosso della campagna elettorale per le prossime amministrative.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO MESE GRATIS ENTRO IL 6/10/2019

7 COMMENTI

  1. Ogni anno Milan e Inter danno al Comune di Milano 5400 biglietti gratuiti. Mentre un onesto cittadino contribuente vessato dalle tasse comunali per pagare la manutenzione del Meazza non può permettersi di andare allo stadio nemmeno una volta all’anno i politici ipocriti si sollazzano a spese sue. Con un eventuale stadio privato questa regalia verrebbe eliminata. Ecco perché in Italia non si vogliono autorizzare stadi privati.

    • In realtà l’eventuale nuovo San Siro rimarrebbe comunque di proprietà del Comune. E ad essere eliminate sarebbero non tanto le regalie, quanto i settori più popolari, tramite la riduzione della capienza e l’aumento esponenziale del costo di biglietti/abbonamenti.

  2. Ma questi ci sono o ci fanno, io davvero non capisco. Ma cosa credono di ottenere? Vogliono mettersi in testa che ristrutturare San Siro non è fattibile? Tutti lo vorremmo ma non è fattibile, punto.
    Il magico risultato che otterranno è che Inter e Milan faranno lo stadio a Sesto così il Comune di Milano perderà un progetto da 1 miliardo di euro e in più si ritroverà sul groppone per i prox decenni un mega stadio fatiscente praticamente abbandonato. Fenomenale.

  3. Mi sembra che il primo che aveva iniziato la campagna mediatica sia stato Sala mesi fa dicendo che non se ne parlava neanche di fare un nuovo stadio.
    Quanto ai primi progetti scartati dalle societa’ mi chiedo con quale diritto i consiglieri pretendano di vederli: gli investitori sono Inter e Milan e sono loro che stanno proponendo al Comune un progetto: ad ognuno il suo ruolo.
    Questa vicenda e’ il tipico esempio di come sia difficile fare le cose in Italia. Non mi esprimo sul fatto che la ragione sia da una delle due parti, ma i percorsi si fanno sempre inutilmente lunghi e tortuosi. Spreco di soldi e tempo per tutti.

  4. La scala del calcio.La farei come un grande teatro di calcio e musica perchè la musica è calcio…….quando giocato bene.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here