Atalanta Champions San Siro Sala
Il sindaco di Milano Giuseppe Sala (Foto: Insidefoto)

Assente ieri alla presentazione dei due progetti per la costruzione di un nuovo stadio per Milano, il sindaco Beppe Sala è tornato a parlare della questione: «Esiste una legge sugli stadi e dice che, laddove si costruiscono stadi nuovi si possono aumentare le volumetrie fino a raddoppiarle. La legge sugli stadi però non è che passa oltre o fa decadere le regole comunali».

Questo il pensiero del primo cittadino milanese – intervenuto a margine di un appuntamento di Milano Calcio City alla Triennale – a proposito delle necessità dei due club, legate al nuovo progetto. Milan e Inter, infatti, hanno fatto richiesta di avere più volumetrie per realizzare il progetto del nuovo stadio.

«Le richieste delle squadre eccedono quello che è il nostro standard espresso nel Pgt e loro dicono che la legge sugli stadi dice che si può raddoppiare, ma questa legge non supera la politica locale che deve dare il suo consenso. Voglio che sia il consiglio comunale a definire la possibilità di un nuovo stadio».

Il sindaco comunque si augura che le squadre non arrivino a scegliere un’altra area diversa da quella di San Siro per realizzare lo stadio: «Mi auguro che non si arrivi a questo. Il Consiglio può dire quali sono le regole ma anche che siamo disponibili a dare di più», ha aggiunto.

A proposito della proprietà dello stadio, che stando alle parole di Paolo Scaroni resterà al Comune, Sala ha detto che «questa è una buona via», ma quello della proprietà «è veramente il fatto meno rilevante. La mia unica priorità è quella di proteggere il Comune, la mia persona, i dirigenti, gli assessori dai rischi con la Corte dei Conti. Ma non è che farò la battaglia campale perché San Siro sia nostro. Troviamo la formula più adeguata. In ogni caso mi fa piacere che Scaroni abbia detto queste parole, però la proprietà non è un elemento che per noi è discriminante».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO MESE GRATIS ENTRO IL 6/10/2019

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here