legge stadi italia tribune coperte

Il Barcellona fa un passo avanti verso il finanziamento delle opere di riqualificazione del Camp Nou. Il club ha deciso di affidarsi a JB Capital Markets (oltre che a Goldman Sachs) per negoziare con le banche un prestito sindicato – un prestito erogato da un consorzio di banche per diminuire rischio e sforzo del finanziamento –, con il quale finanziare una parte dei 600 milioni di euro previsti per l’opera di ammodernamento dello stadio.

Come riporta “Palco 23”, l’intento del club è quello di finanziare questo progetto attraverso tre canali di reddito differenti: un contratto per la cessione dei “naming rights” dal valore di 200 milioni di euro; un prestito bancario dello stesso importo; le entrate generate dalla nuova zona commerciale del club. Con l’obiettivo di accelerare l’acquisizione dei fondi per il progetto (nominato “Espai Barça”), il club si è rivolto a Goldman Sachs e JB Capital Markets.

Il presidente della società, Josep Maria Bartomeu, vuole portare l’opera verso il completamento prima della fine del suo mandato, nella primavera del 2021. L’Espai Barça prevede l’estensione del Camp Nou a 105.000 posti a sedere e la costruzione di un nuovo Palau Blaugrana con una capacità di 12.000 spettatori, oltre alla costruzione dello stadio “Johan Cruyff”, dove potrà giocare la squadra femminile.

JB Capital Markets, la società di investimento di proprietà di Javier Botín, e Goldman Sachs si concentreranno sulla raccolta fondi per questa operazione, mentre il Barça è ancora alla ricerca di un partner per i “naming rights” disposto a pagare 200 milioni di euro in anticipo per dare un nome al nuovo Camp Nou. Attualmente, il club è alla ricerca di nuovi partner per rilevare Audi e Gillette, dopo l’ingresso in società di Assistencia Sanitària e 1xbet.

SEGUI LA COPPA D’AFRICA 2019 SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here