Venezia Tacopina ricorso TAR
Joe Tacopina, presidente del Venezia (Foto Antonello Sammarco/Image Sport/Insidefoto)

«Il Venezia merita di rimanere in Serie B. Meglio conquistarla sul campo, ma queste due partite non si dovevano giocare perché un mese fa il comunicato della Lega certificava che il Venezia era salvo». Il presidente del Venezia Joe Tacopina non usa giri di parole per commentare l’attuale situazione dei lagunari, come riporta la Gazzetta dello Sport.

«Balata ha più volte detto di essere un avvocato, ma in questo periodo ha dimostrato di non saper rispettare nemmeno i regolamenti della sua Lega. Noi ci troviamo a giocare due partite che non dovevamo mentre il Palermo che ha barato e commesso illeciti ce lo ritroviamo ancora in Serie B», l’attacco del patron del Venezia.

Un arrabbiatura ampliata notevolmente dagli episodi arbitrali nella gara d’andata dei playout contro la Salernitana, vinta dai campani per 2-1. «La stupidità del calcio italiano non finisce mai di stupirmi. Abbiamo introdotto il Var nei playoff e nei playout: ok. Ma ho visto l’episodio del rigore un centinaio di volte, è evidente l’intervento del difensore della Salernitana. Perché l’arbitro non è andato a verificare? Ha deciso un altro arbitro che era in un’ altra stanza a visionare l’accaduto, ci hanno detto che stava a lui stabilire se Di Paolo doveva guardare o meno il fatto», ha proseguito Tacopina.

«Sono disgustato da quello che sta accadendo nel calcio italiano e in particolare in B nell’ultimo anno. Meglio salvarci sul campo perché non mi aspetto nulla dal sistema giudiziario italiano: l’ho sperimentato sulla mia pelle nel recente passato».

SEGUI LA COPA AMERICA E I PLAYOUT DI SERIE B SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here