Roma addio Monchi
Ramon Monchi, ex ds della Roma (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

Ritorno a casa per Monchi. L’ex direttore sportivo della Roma, che ha lasciato l’incarico contestualmente all’esonero di Eusebio Di Francesco, è tornato al Siviglia. Nella conferenza stampa di presentazione, Monchi ha parlato anche dei giallorossi: «Non cambierei mai i due anni che ho trascorso a Roma, rifarei quella scelta. Ho commesso degli errori, ma non mi pento della mia scelta. La Roma resterà sempre nel mio cuore».

Monchi ha spiegato i motivi che lo hanno portato ad abbandonare il club: «Sono andato via perché a un certo punto ho capito che io e la proprietà avevamo idee divergenti, quindi è stato giusto chiudere. Ma posso solo parlare bene del presidente Pallotta e di chi mi ha voluto a Roma. E’ stata un’esperienza bellissima che mi ha arricchito dal punto vi sta umano e professionale».

«Molte persone al di fuori di Siviglia mi hanno detto che faccio male a tornare – ha aggiunto poi a proposito del ritorno in Spagna –, che di solito i ritorni non sono mai finiti bene. So che ci sarà molta pressione su di me ma non ho alcun timore. Dopo questi due anni so di poter coesistere con una grande pressione e so che adesso potrò gestirla meglio».



Monchi fa sapere che il primo contatto col Siviglia c'è stato dopo la risoluzione del contratto con la Roma. «Il club sapeva quello volevano da me e quello che mi hanno detto mi è piaciuto. Oggi sono qui non perché sono “sevillista”, anche se lo sono, non per salvare il culo a nessuno. Sono qui perché nelle conversazioni che abbiamo avuto in questi giorni mi hanno trasmesso un'idea del futuro di Siviglia che coincide con quello che ho in mente che deve essere il Siviglia del futuro», ha concluso il direttore sportivo.

SEGUI LE PARTITE DELLA ROMA SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE