Gravina VAR razzismo
Gabriele Gravina (foto Antonello Sammarco/Image Sport/Insidefoto)

La Figc accende un faro sul doping contabile delle plusvalenze nei bilanci delle società di calcio. Un ” tesoretto” che, come documentato da Repubblica, solo nella stagione 2017-2018 ha generato 724 milioni di entrate straordinarie alla Serie A grazie alla compravendita di calciatori.

Il primo intervento, spiegano a Repubblica fonti attendibili, sarebbe quello di “attenzionare” gli scambi di giocatori che generano ampie plusvalenze senza che passi di mano denaro vero.

Transazioni parallele fra due club (come quelle tra Chievo e Cesena costate la penalizzazione agli scaligeri) che coinvolgono quasi sempre ragazzi della primavera che passano da un club all’altro senza un reale flusso di cassa: nessuno paga soldi a nessuno, ma nei bilanci i nuovi arrivi vengono iscritti con una valutazione utile a iscrivere la squadra al campionato o a rispettare il fair play finanziario.

La Figc attualmente non può bloccare in sé queste operazioni. Ma le nuove regole della giustizia sportiva in partenza da luglio dovrebbero prevedere una sorta di “cartellino giallo” a chi si avventura su questo terreno.


La Covisoc, l’organo di sorveglianza della salute economico- finanziaria delle società di calcio, potrà chiedere informazioni più approfondite e, soprattutto, segnalare le anomalie ai sindaci o alle società di revisione, per ottenere la svalutazione del bene a bilancio e dare una valutazione più realistica dei calciatori acquistati con questo tipo di operazione.

Discorso diverso per gli affari di mercato in cui un giocatore di prima fascia viene ceduto in contanti, senza scambi, a un valore lontano dalle quotazioni reali. Trattandosi di un contratto tra privati, tutelato dalle norme sul libero scambio, non ci sono le basi per entrare a gamba tesa su questo tipo di transazioni.

SEGUI LE PARTITE DELLA SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

3 COMMENTI

  1. Tipo avrebbero dato un cartellino giallo all’Inter per la cessione di Zaniolo alla Roma?
    Peccato che ora vale 5-10 volte tanto…

    Mi sembra una caccia alle streghe, di sicuro se ne abusa ma non vedo un metodo né contabile né finanziario né logico per regolamentare la cosa

    • E’ molto semplice invece. Solo che non vogliono farlo e raccontano qualche bubbola.
      E non serve andara a sindacare sulle singole operazioni e decidere quanto vale uno e quanto vale l’altro e quanto sono gonfiate.
      Basta mettere un tetto massimo alle plusvalenze accettate ai finii FPF. Ade sempio il 20% del fatturato netto o il 25% degli ammortamenti.
      Il che significa che ciovilisticamenet opuoi fare quelo che ti pare e se ne occuperà semmai la Guardia di FInanza, ma ai fini FPF ammettono un tot di plusvalenze che fai con chi vuoi e come vuoi, ma non oltre quelle

  2. D’altronde sarebbe anche in linea con quello che hanno sempre fatto, quando hanno realmente voluto porre mano a delle questioni e non limitarsi a raccontare frottole alla gente.

    Non è che vanno a vedere con chi uno si indebita, dove, come e a che condizioni.
    Hanno messo dei limiti all”indebitamento, tarati su fatturato netto ecc…
    E non è che vanno a vedere che giocatore un Club compra o come lo compra o quanti ne compra.
    Hanno messo un limite di 100 milioni di saldo massimo sulle compravendite di un anno.
    Lo stesso hanno iniziato a fare sulle sponsorizzazioni e sulle operazioni con le parti correlate.

    Basta fare lo stesso sulle plusvalenze, quando ne ricorrono le fattispecie e cioè quando tra ricavi operativi e costi totali c’è una differenza negativa. Non quando sono utili.
    Un Club così sa che può colmare con le plusvalenze i buchi tra ricavi operativi e costi totali, ma solo fino a un certo punto. Oltre no, e quindi deve ridurre i costi e/o aumentare i ricavi operativi, che è quello che dovrebbe fare una Società sana o che vuole risanare una situazione tesa.

    Che poi sarebbe lo scopo di UEFA e di COVISOC quello di creare società sempre più sane.
    O almeno lo è a parole o a singhiozzo.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here