Stadio Cremonese – Se non è un vero e proprio passaggio di proprietà, sicuramente è un passo importante per un club e per tutta la Serie B. Il Comune di Cremona ha infatti ufficializzato nella giornata di venerdì 8 febbraio quanto già era nell’aria da settimane, concretizzando l’assegnazione del diritto di superficie dello stadio Zini alla Cremonese per 99 anni.

Ristrutturazione stadio Ferraris, le prime immagini del progetto

Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, la proprietà resta al comune, ma si chiude un cerchio sulla gestione di Giovanni Arvedi. Il passaggio della Cremonese in Serie B dopo 11 anni alla fine del torneo 2016­2017 viene festeggiato dal patron del club con tre grandi opere: la realizzazione dei nuovi Distinti, la copertura della Curva Sud – che fa somigliare lo Zini sempre più a uno stadio all’inglese, moderno ed esteticamente gradevole –, e i nuovi parcheggi.




Il club di Arvedi investirà, inoltre, altri 8 milioni di euro nella struttura. Struttura che era andata all’asta lo scorso 30 dicembre, ma senza successo. Un’asta nata dall’esigenza di riammodernare l’impianto e al contempo dalla presa di coscienza da parte dell’amministrazione comunale che il costo dei lavori da effettuare sarebbe stato superiore al valore del bene. In seguito alla mancata cessione, il Comune ha quindi deciso di rivolgersi alla Cremonese, che ora potrà godersi il proprio impianto per almeno un secolo.

SEGUI LE PARTITE DELLA SERIE B SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. Complimenti alla dirigenza della Cremonese e alle autorità cittadine che hanno permesso questo risultato. Tra le tante chiacchiere che si sentono tutti i giorni finalmente qualcosa di concreto.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here