SHARE
stadio roma no conferenza servizi

«A meno che non ci sia un disastro epocale, cosa che escludo perché tutte le istituzioni in conferenza dei servizi hanno dato l’ok, si procederà con lo stadio della Roma, eventualmente apportando le modifiche che servono». Così la sindaca di Roma Virginia Raggi è intervenuta sul tema del nuovo stadio della Roma.

Il percorso del progetto dell’impianto sportivo – dopo la bufera giudiziaria che ha coinvolto tra gli altri il costruttore Luca Parnasi e Luca Lanzalone, avvocato che aveva affiancato il Campidoglio nel seguire il dossier – ha subíto inevitabilmente una battuta di arresto.

«Io tenderei ad andare avanti a meno di disastri – ha proseguito. Aspettiamo la risposta del Politecnico di Torino che valuterà la questione trasporti e che dovrebbe arrivare entro novembre. Quando ci sarà il responso definitivo? Entro la fine dell’anno».

La Raggi ha parlato della questione Stadio della Roma a Tor Di Valle anche a Radio Radio. Ai microfoni dell’emittente la sindaca di Roma ha spiegato: «Il Politecnico ci ha chiesto mi sembra un mese e mezzo o due mesi per riuscire a rivalutare la questione trasportistica. All’esito di questa perizia capiremo bene in che direzione muoverci. È evidente che per l’amministrazione andare avanti è importante, però, l’abbiamo sempre detto, lo Stadio deve essere fatto bene, se ci sono dei dubbi su un elemento vanno chiariti. In caso bisogna recuperare quel minimo che, se dovesse essere, non è stato fatto e si va avanti».

«Il placet dell’amministrazione c’è e resta, però le cose devono essere fatte per bene. Se un’intercettazione getta un’ombra io credo sia doveroso per un’amministrazione capire e fugare quelle ombre». Raggi stima che la risposta del Politecnico di Torino arriverà «al massimo entro la fine di novembre, ma anche prima».

SEGUI LE PARTITE DELLA ROMA SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA: