Yonghong Li (Insidefoto.com)

Elliott è pronto a rilevare il Milan, ma Yonghong Li cerca di giocarsi l’ultima carta. L’imprenditore cinese avrebbe infatti trovato un acquirente per il club rossonero: il fondo statunitense, però, è pronto a proseguire sulla propria strada.

Il nome che è tornato in auge è quello di Dmitrij Rybolovlev, magnate russo e proprietario del Monaco che era già circolato tra i possibili azionisti alcuni mesi fa. E sul tavolo resta anche l’ipotesi legata allo statunitense Commisso. Tuttavia, dopo il mancato rimborso dei 32 milioni di euro dell’ultimo aumento di capitale da parte di Yonghong Li, Elliott si sta preparando a rilevare il Milan.

Nuova maglia Milan Puma 2018 2019

Il fondo statunitense, nonostante Li punti su una clausola nel contratto (secondo Il Sole 24 Ore, Elliott deve valorizzare la società con un processo tutelante per Li), può infatti rifiutare qualsiasi offerta da parte di Yonghong Li e attivare l’escussione del pegno, diventando quindi azionista di maggioranza del club rossonero.

Una procedura che non è ancora stata attivata, ma che dovrebbe cominciare già oggi: secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, gli avvocati di Elliott sarebbero già partiti per il Lussemburgo, dove ha formalmente sede la Rossoneri Sport Investment Lux, ovvero la controllante del Milan. Per concludere la procedura potrebbero servire circa 2-3 giorni, tempo in cui Yonghong Li vorrebbe presentare un’ultima offerta a Elliott, con l’ingresso di un nuovo azionista di maggioranza: ma, come detto, il fondo statunitense ad oggi non avrebbe intenzione di accettare alcuna proposta.

Poi Elliott deciderà come muoversi: il fondo statunitense avrebbe già sul piatto alcune offerte (e potrebbe avantaggiarsi proprio degli eventuali acquirenti presentati da Yonghong Li), ma nel breve periodo potrebbe anche gestire il Milan, secondo quanto spiegato dalla Gazzetta dello Sport, in modo da rivalu­tarlo e rivenderlo al meglio.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here