Betting: stop alle sponsorizzazioni, ma salvi i contratti in essere

Scommesse decreto Dignità – Il decreto Dignità sul quale è al lavoro il nuovo Governo, prevede di imporre lo stop alla pubblicità di giochi o scommesse con vincite in denaro,…

giochi e scommesse

Scommesse decreto Dignità – Il decreto Dignità sul quale è al lavoro il nuovo Governo, prevede di imporre lo stop alla pubblicità di giochi o scommesse con vincite in denaro, «in considerazione delle rilevanti dimensioni che tale pratica ha assunto nel nostro Paese con conseguente aumento del rischio soprattutto per i soggetti più vulnerabili di una dipendenza socio-economica con veri e propri effetti patologici, con gravi disagi per la persona, compromettendo l’equilibrio familiare, lavorativo e finanziario comportando un aumento dell’indebitamento e quindi con un più facile assoggettamento a prestiti usurari».

No alle sponsorizzazioni del betting: Serie A in rivolta contro Di Maio

Scommesse decreto Dignità, i contratti in essere sarebbero al sicuro

Questo quanto si evince dalla bozza del documento, oggi al vaglio del pre-consiglio dei ministri. Come riporta “Radiocor”, il divieto si applica, dalla data di entrata in vigore del decreto, a «qualsiasi forma di pubblicità, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse manifestazioni sportive, culturali o artistiche, trasmissioni televisive o radiofoniche, stampa quotidiana e periodica, pubblicazioni in genere, affissioni e internet; alle sponsorizzazioni e a tutte le forme di comunicazione». Esclusi dal decreto i contratti in essere e lotterie nazionali a estrazione differita e i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Un’eventuale sanzione sarebbe pari al 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità e mai inferiore a 50.000 euro, ma se rivolta a minore salirebbe a 100/150 mila euro.

Scommesse decreto Dignità, presente anche una risoluzione a livello europeo

La disposizione in materia di giochi stabilisce che la sanzione viene comminata al committente, al proprietario del mezzo o del sito di diffusione o destinazione e dell’organizzatore della manifestazione, evento o attività. A livello europeo, ricorda il testo, esiste una risoluzione del Parlamento in cui si sottolinea che i fornitori di gioco d’azzardo online devono rispettare la legislazione nazionale degli Stati membri; la Commissione ha inoltre emanato una raccomandazione sui principi di tutela dei consumatori.