Serie A Tim nuovo logo, il simbolo della Tim

Emissione bond Tim – Nella giornata di ieri Tim ha emesso alla pari un bond a tasso fisso da 750 milioni di euro destinato a investitori istituzionali. La cedola che verrà pagata di anno in anno agli obbligazionisti è tra le più basse di sempre per un bond in euro. Il rendimento dell’emissione è infatti pari al 2,876% e risulta pertanto inferiore al costo medio del debito di gruppo, che a fine dello scorso marzo ammontava al 4,6%.

Diritti tv, Genish: «La Lega ha architettato una gara servita sul piatto a Sky»

Emissione bond Tim, quasi il 60% di quota da Regno Unito, Francia, Germania, Austria e Svizzera

Come riporta “Milano Finanza”, l’operazione si inserisce nel processo di ottimizzazione e rifinanziamento del debito in scadenza. Di fatto con l’emissione di ieri Telecom Italia ha riaperto il mercato dei bond corporate italiani, che era fermo dallo scorso 15 maggio (in quell’occasione l’emissione era stata di Enel). Nonostante il difficile momento dei mercati equity e del credito, il bond ha incontrato il favore degli investitori italiani e internazionali, che infatti ha garantito una cedola molto conveniente.

Diritti tv, la Serie A risponde a Genish: «Sollecitato il mercato in modo trasparente»

Gli ordini totali sono stati pari a circa 1,2 miliardi con la partecipazione di circa 160 investitori qualificati, la maggior parte dei quali sono investitori di lungo periodo. Particolarmente significativa la quota di ordini arrivata da Regno Unito, Francia, Germania, Austria e Svizzera, che ha rappresentato il 57% del totale, ma buona è stata anche la partecipazione degli investitori italiani (31% del totale). Le banche che hanno curato l’emissione in qualità di joint bookrunner sono state Banca Imi, Barclays Bank, Bnp Paribas, Hsbc, Société Générale, Unicredit e in qualità di other bookrunners Crédit Agricole, Credit Suisse, Commerzbank, Goldman Sachs International, Mufg Securities e NatWest Markets.

Il logo TIM sui campi della Serie A (Insidefoto.com)
Il logo TIM sui campi della Serie A (Insidefoto.com)

Emissione bond Tim, battaglia aperta con la Lega sui diritti tv

Ieri, obbligazione a parte, il mercato ha fatto i conti con le dichiarazioni di Genish del giorno prima. Secondo gli esperti di Equita Sim sono arrivati spunti positivi dall’incontro. I messaggi, spiegano infatti gli analisti in una nota, ribadiscono il commitment di Genish e danno un segnale positivo e di confidenza sulla strategia del gruppo, che deve affrontare un confronto impegnativo nel secondo trimestre e alcune sfide importanti come quella di Iliad e OpenFiber. Intanto, dopo le dure parole di Genish anche contro il bando sui diritti del calcio indetto dalla Lega, da Via Rosellini hanno fatto sapere attraverso una nota di aver sollecitato il mercato in modo trasparente con inviti rivolti a tutti gli operatori potenzialmente interessati, sottoponendoli a ogni possibile forma di offerta e pacchetto di diritti audiovisivi.

1 COMMENTO