Minutaggio giocatori nelle nazionali. I grandi club sono quelli che forniscono il maggior numero di giocatori alle nazionali dei vari Paesi del mondo. Tra questi, il Barcellona è quello che dà l’apporto maggiore se si considerano tutte le partite giocate – e i relativi minuti d’impiego – dai suoi giocatori con le varie nazionali maggiori.

Questo per lo meno è quanto emerge dalla classifica stilata dal CIES Football Observatory, che ha messo in ordine i club calcistici del mondo sulla base dell’impiego dei loro calciatori nelle rappresentative nazionali. Per quanto riguarda il Barça, sono 20 i suoi giocatori schierati dalle nazionali nel 2017, per una cifra record di 139 partite disputate, corrispondenti a 10.846 minuti sul terreno di gioco. I catalani superano due club inglesi, rispettivamente secondo e terzo. Si tratta del Manchester United – 21 giocatori per 117 match e 8.927 minuti giocati – e del Tottenham, del quale sono stati utilizzati 17 giocatori, per un totale di 105 incontri e 8.608 minuti.

indipendenza catalogna impatto economico barcellona
(foto Insidefoto.com)

Minutaggio giocatori nelle nazionali: Milan, Napoli e Inter nella top 20

Per trovare la prima società italiana bisogna scendere al quinto posto, dove staziona la Juventus. Il club torinese ha fornito alle nazionali 22 giocatori, schierati in 102 gare, corrispondenti a 7.655 minuti.  Milan, Napoli e Inter si trovano rispettivamente alla posizione 15, 16 e 17 (6.387 6.242 e 6.239, questi i minuti trascorsi sul terreno di gioco dei loro calciatori con le rispettive nazionali). Nella classifica presenti anche, nell’ordine, Roma, Lazio, Bologna, Udinese e Atalanta.

Il paese più rappresentato nelle prime 100 posizioni è l’Inghilterra, con 16 squadre. Cinque squadre inglesi sono nella top 10. Germania (10 club) e Italia (9) sono la seconda e terza nazione con il maggior numero di giocatori schierati dalle nazionali nelle prime 100 posizioni. La presenza di sei squadre provenienti dagli Stati Uniti conferma lo sviluppo del calcio nel paese.

Complessivamente, 38 federazioni vantano almeno un club classificato tra i primi 100. Tra queste, 20 sono affiliate alla UEFA, mentre 18 appartengono ad altre Confederazioni. Le tre squadre non europee meglio classificate sono il Real Estelí del Nicaragua, l’Al Sadd del Qatar e il San Jose Earthquakes degli Stati Uniti.