Massimiliano Mirabelli, Vincenzo Montella e Marco Fassone (Insidefoto.com)
Massimiliano Mirabelli, Vincenzo Montella e Marco Fassone (Insidefoto.com)

Come riporta l’agenzia Ansa, è durata circa tre ore la discussione della richiesta di Voluntary Agreement del Milan davanti al Financial Body della Uefa a Nyon, in Svizzera. Al termine dell’incontro la commissione, guidata dall’ex primo ministro belga Yves Leterme, si è riservata di prendere una decisione che potrebbe arrivare a giorni, certamente entro Natale.

Secondo quanto filtra, spiega l’Ansa, sul fronte rossonero emerge moderata fiducia sull’esito della richiesta, anche per via del clima di trasparenza e del livello di approfondimento con cui si è svolto il confronto, definito molto intenso, fra i sette commissari e l’ad Marco Fassone, che ha ripercorso il business plan quadriennale del club, già inviato una settimana fa al Financial Body.

Milan SPAL 2-0, Giornata 05 Serie A TIM 2017-2018 [VIDEO HIGHLIGHTS]

A breve dunque si dovrebbe conoscere il responso della Uefa, che potrebbe dare l’ok al nuovo piano predisposto da Fassone e dal management del Milan, consentendo così al club rossonero di derogare dai vincoli del Fair Play Finanziario, e di raggiungere il pareggio di bilancio al termine del piano al 2021.

quote AEK Atene-Milan
(Insidefoto.com)

Gli scenari alternativi sono due. Il primo scenario è che l’Uefa decida di non prendere subito una decisione sulla proposta di settlement agreement, sospendendo il giudizio per procedere a un controllo più approfondito di alcuni parametri.

La seconda ipotesi è che Nyon possa non ritenere sostenibile il piano di rientro del Milan e rimandare il club a gennaio-febbraio 2018 per la firma di un “settlement agreement”, con un piano di rientro maggiormente vincolante, con sanzioni economiche e limiti alla rosa, come imposto negli anni scorsi a Inter e Roma.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here