Il presidente della Roma James Pallotta e l'ex ad giallorosso Umberto Gandini (Insidefoto.com)
Il presidente della Roma James Pallotta e l'ex ad giallorosso Umberto Gandini (Insidefoto.com)

La Roma corre “per vincere il campionato”. Così, senza troppi giri di parole, l’ad del club giallorosso Umberto Gandini ai microfoni di ‘Radio anch’io sport’.

“Noi -ha detto Gandini– giochiamo per fare del nostro meglio e dopo essere arrivati secondi l’anno scorso è doveroso giocare per vincere il campionato. L’obbiettivo è quello, e poi di fare meglio possibile in tutte le competizioni” alle quali la Roma partecipa.

Tra i temi caldi, naturalmente, rimane quello dello stadio. “Questa settimana si riunisce la conferenza dei servizi ed ha massimo 90 giorni di tempo per dare il proprio parere” sul progetto di costruzione dello stadio.

Stadio della Roma, entro fine anno il verdetto sul nuovo progetto

“Noi speriamo si riesca ad avere prima l’autorizzazione per cominciare a lavorare l’anno prossimo”.

“La conferenza dei servizi – ha aggiunto il dirigente giallorosso – dovrebbe portare al parere definitivo di tutte le componenti locali interessate, per poi cominciare la parte più importante, scavare e mettere la prima pietra”.

L’obiettivo per la realizzazione del nuovo stadio – ha concluso Gandini – è “la stagione 2020-21”.

Il dirigente giallorosso sottolinea – rispondendo alle domande degli ospiti di ‘Radio anch’io sport’ che non sarebbe “un fallimento” l’eventuale passaggio dal girone di Champions all’Europa league.

Gandini ribadisce: “noi abbiamo un percorso davanti e questo prevede il cammino in Champions con l’obbiettivo di qualificarci. Certo, partendo dalla terza fascia era normale trovare nel girone squadre di altissimo livello come Atletico e Chelsea. La Roma è in un girone ad altissimo coefficiente di difficoltà, ma l’affronteremo nel migliore dei modi. Dopodichè dovesse verificarsi di non passare il turno, giocheremo l’Europa league, e non sarebbe un fallimento“.

Secondo Gandini non tutto però è ancora deciso nel girone, “atteso che probabilmente con il Qarabag tutte le squadre avranno la possibilità di fare risultato, molto si gioca negli scontri diretti”.

Parole di elogio, infine, per Francesco Totti, che dopodomani (27 settembre) compie 41 anni. “Totti si è ben calato nel ruolo di dirigente, è molto utile, sempre vicino alla squadra e a Di Francesco. Siamo molto contenti di lavorare con lui. Per i suoi 41 anni cercheremo di festeggiarlo nel migliore dei modi a Baku visto che saremo li per la Champions”.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here