riforme lega calcio distribuzione diritti tv Tavecchio, istanze Aic all'attenzione del consiglio Figc
Carlo Tavecchio (foto Insidefoto.com)

Tavecchio, istanze Aic all’attenzione del consiglio Figc – Il presidente Figc  Carlo Tavecchio auspica un sereno avvio dei campionati di Serie C. Ad affermarlo è il numero uno del calcio, Tavecchio, in una lettera inviata a Damiano Tommasi, presidente dell’Aic, dopo aver sentito i vicepresidenti Cosimo Sibilia e Renzo Ulivieri e il direttore generale Michele Uva. Tavecchio ha ribadito il proprio impegno per sottoporre all’attenzione del prossimo Consiglio Federale le istanze presentate da Tommasi durante l’incontro avvenuto venerdì scorso a Coverciano.

Nella sua lettera, informa la Figc, Tavecchio auspica che “l’impegno profuso in questi giorni consenta un sereno avvio dei campionati”. L’Aic aveva confermato ieri lo stato di agitazione della categoria, auspicando la soluzione di alcune questioni relative in particolare alla serie C – ripescaggi, pagamenti, impiego degli over – per evitare un possibile sciopero all’avvio del campionato.

Tavecchio, istanze Aic all’attenzione del consiglio Figc: le motivazioni dello stato di agitazione annunciato dall’Aic

Attraverso una nota diramata ieri l’Aic ha spiegato le motivazioni dello stato di agitazione legato alla mancata soluzione di alcuni punti, come il tempestivo finanziamento del Fondo di Solidarietà per la copertura degli oneri finanziari straordinari che graveranno sull’ente a seguito della mancata escussione delle fideiussioni depositate ad inizio della scorsa stagione da Messina e Latina, non ammesse oggi – per le ragioni note – ai rispettivi campionati di competenza; fideiussioni che non sono state sostituite dopo il fallimento della compagnia Gable (originario fideiussore); uniformare i criteri di individuazione dei soggetti abilitati al rilascio delle necessarie fideiussioni a garanzia dei pagamenti dei tesserati (contenuti nelle norme per l’iscrizione ai campionati) con quelli previsti per le garanzie fideiussorie atte a garantire l’integrale versamento del saldo negativo delle campagne trasferimenti di ogni singolo club; stabilire fin da subito in modo certo, durevole e immutabile che il controllo COVISOC sul pagamento della mensilità di giugno dall’anno 2018 – e così per le stagioni successive – venga fissato entro la metà di agosto di ciascun anno per le società militanti nei campionati di Serie B e Serie C.