lavorare nel calcio

Sono sempre più numerose le persone che desiderano trasformare la propria passione per il calcio in un’attività professionale, ma con la consapevolezza di come sia fondamentale essere in possesso delle competenze adatte. Imparare da chi ha già accumulato esperienza può essere quindi un’occasione da sfruttare per mettersi alla prova.

Tra gli eventi più interessanti c’è il corso per osservatori di calcio, organizzato da Techsport.it, il primo sito italiano specializzato nell’alta formazione in ambito sportivo. L’appuntamento è fissato per il 10 giugno a Milano presso il Vitruvio Center, situato nei pressi della Stazione Centrale. Anche chi proviene da fuori città può quindi raggiungere facilmente la location.

I partecipanti avranno la possibilità di chiedere consigli e ascoltare alcuni trucchi del mestiere da Fulvio Pea, conosciuto come lo “Special One italiano” per i numerosi successi ottenuti in ambito giovanile.

A spiegare come sia nata la scelta di affidarsi al tecnico è Nicola Giuliani, agente Fifa e Managing director at Giuliani Sports LTD, agenzia specializzata in attività di consulenza, intermediazione e scouting internazionale: “Abbiamo deciso di coinvolgere Pea perché, oltre ad essere un allenatore importante, come tecnico a livello di calcio giovanile ha vinto tutto quello che si poteva vincere. Quindi, oltre ad avere lanciato diversi campioni nel panorama italiano, e successivamente europeo, ha piena consapevolezza di cosa voglia dire vedere prima di altri cogliere il talento in un calciatore che si sta formando. Il suo modo di agire può quindi essere determinante per chi si vuole avvicinare a questa carriera.Con l’Inter Primavera ha vinto tanto e questo dà l’idea di come abbia lavorato bene con i giovani e di quanto sia in grado di capire chi è pronto per fare il grande salto. La scelta è stata quindi mirata per cercare l’eccellenza nell’ambito dello scouting“.

Un’opportunità concreta per lavorare nel calcio

La partecipazione al corso non sarà fine a se stessa, ma rappresenta un’opportunità per farsi conoscere e capire se si hanno le doti giuste per lavorare nel settore. Diventare talent scout rappresenta una sfida con se stessi: si ha infatti la possibilità di lavorare sul campo e individuare chi è dotato di un talento per giocare a livello professionistico.

Le opportunità non mancano: “L’osservatore nel calcio attuale può rivestire due ruoli, entrambi affascinanti – prosegue Giuliani -. E’ possibile lavorare per una società di agenti e quindi andare a vedere calciatori su loro stessa indicazione svolgendo un’attività ben pagata, oppure essere dipendente di un club, che lo mette sotto contratto, che in base ai programmi societari lo manda a vedere determinate partite per preparare relazioni tecniche da mettere in archivio per individuare i giocatori più adatti alle esigenze di squadra“.

Techsport.it è pronta a individuare tra i partecipanti chi può avere un futuro a livello lavorativo come già fatto in passato: “Le opportunità lavorative sono legate alla qualità di chi partecipa: sono innumerevoli gli esempi di persone che si sono avvicinate a noi tramite i nostri corsi e che hanno un ruolo attivo con noi o in un club o agenzie di agenti – continua Giuliani –. Forse siamo tra gli unici che diamo la possibilità di interagire in prima persona con il mondo del calcio professionistico a coloro che hanno le doti per svolgere la professionalità richiesta. Le opportunità sono quindi proporzionali alle qualità“.

La partecipazione all’evento, come da tradizione di Techsport.it è a numero chiuso, per svolgere una preparazione il più possibile personalizzata. Il costo previsto è di è di 150 euro (per chi non ha partita iva, va aggiunto un 20% IVA, quindi 180 euro). Non è richiesto alcun tipo di titolo di studio per la partecipazione.

Chi è interessato a ricevere maggiori informazioni o a iscriversi può visitare il sito techsport.it (che riporta anche eventuali contatti telefonici diretti da poter consultare) o inviare una e-mail a info@techsport.it.

Qui di seguito il programma completo della giornata di formazione:

corso

 

PrecedenteClosing Palermo, giorni decisivi e Baccaglini ha scelto il direttore sportivo
SuccessivoAtalanta, i piani di Percassi: monte stipendi in aumento per l’Europa
Giornalista, laureata in Linguaggi dei media all'Università Cattolica di Milano. Esperienza soprattutto in siti internet e qualche incursione in TV e sulla carta stampata.