Chievo-Roma 3 a 5, i giallorossi in rimonta ipotecano la Champions [VIDEO]

La Roma fa un passo decisivo verso il secondo posto in Serie A, batte il Chievo in rimonta e si prepara così a festeggiare l’ultima gara in giallorosso di Francesco…

Chievo - Roma

La Roma fa un passo decisivo verso il secondo posto in Serie A, batte il Chievo in rimonta e si prepara così a festeggiare l’ultima gara in giallorosso di Francesco Totti, simbolo della storia romanista, che entra in campo per una dolce passerella a tre minuti dalla fine. Chievo-Roma finisce 3 a 5, in un anticipo del sabato del tutto scoppiettante con doppiette griffate El Shaarawy e Salah, acuto finale di Dzeko, per la Roma.

A Verona va in scena una vera gara di fine campionato: difese già in vacanza, ritmi non ossessivi, gol e occasioni in quantità industriale. Primo tempo pimpante, con difese allegre e attacchi protagonisti. La Roma prova a fare la gara, ma l’approccio è sotto ritmo e il Chievo può ripartire con pericolosità. Il vantaggio dei veneti è logica conseguenza e anche la rete fotografa l’atteggiamento mentale delle squadre. Dal nulla arriva una palla ‘sporca’ nell’area della Roma. Rudiger si addormenta e Castro ne approfitta tirando in porta: Szczesny non può fare nulla. La Roma rischia di andare nuovamente sotto per un sinistro di Birsa, poi pesca il pari per un errore della difesa di casa.

[cf-perform-video]zbe90trnasbx1nd0gzarea5ci[/cf-perform-video]

El Shaarawy beffa la difesa del Chievo scappando sul filo del fuorigioco: l’italo-egiziano salta Sorrentino e deposita in rete. Il pareggio non scuote i giallorossi che giocano prettamente sulla corsia di sinistra, ma non alzano il ritmo delle giocate. Poi la difesa fa il resto. I gialloblù pungono ancora con Inglese: l’attaccante viene lasciato tutto solo in area e raccoglie un cross dalla sinistra di Birsa segnando di testa. Qui la reazione capitolina e’ degna di nota.

Roma vicina al pareggio: Dzeko serve un assist per Salah che di testa non riesce a battere Sorrentino, che respinge la palla, a pochi centimetri dalla porta. L’egiziano si rifà subito segnando con un bellissimo tiro a giro che non lascia scampo a Sorrentino, anche se risulta determinante un tocco di Cesar.

Maran inserisce in apertura di ripresa Pellissier, ma la Roma non è più quella vacanziera del primo tempo: quattro gol nella ripresa e tanti saluti ai veneti. Apre la scatola El Shaarawy, dilata il margine Salah, chiude i conti Dzeko, prima dell’acuto finale di Inglese. Ci si vede l’anno prossimo.