Maurizio Sarri (Insidefoto) Foto imago/BPI/Insidefoto

Maurizio Sarri è il vincitore della settima edizione del Premio Nazionale Enzo Bearzot, il riconoscimento promosso dall’Unione Sportiva Acli con il patrocinio della FIGC e intitolato all’ex Ct della Nazionale Campione del Mondo a Spagna ’82. Ad assegnare il premio la giuria presieduta dal presidente federale Carlo Tavecchio e composta dai direttori di alcune testate sportive italiane. Il tecnico del Napoli, insignito lo scorso mese anche della Panchina D’oro, ritirerà il premio martedì 30 maggio. “Sarri è un ottimo tecnico, con una lunga militanza nel mondo dilettantistico e capace di dimostrare il proprio valore anche nel calcio professionistico. Come innovatore mi ricorda Arrigo Sacchi, dal punto di vista umano Helenio Herrera”, ha sentenziato Tavecchio presentando il vincitore 2017.

E come Sacchi, Sarri un giorno potrebbe arrivare a sedersi sulla panchina più ambita d’Italia, quella da commissario tecnico della nazionale. A chi gli chiede se abbia mai immaginato di portare l’attuale allenatore del Napoli a Coverciano, Tavecchio risponde ricordando che un allenatore c’è e nessuno ha pensato a una alternativa a Ventura. “In questo momento – ha detto Tavecchio – siamo molto presi a superare il turno e qualificarci per i Mondiali. Ma la vita dà a tutti delle possibilità e io mi auguro che ci sia anche questa possibilità per Sarri”.

Sarri vince il premio Bearzot, la motivazione

“Dostoevskij ha scritto che la bellezza salverà il mondo – si legge nella motivazione del premio – chissà se Maurizio Sarri, uomo di buone letture oltre che grande allenatore, si è ispirato a questa frase nel corso di una carriera che dai campi di provincia fino alla Champions League ha avuto come comun denominatore il bel gioco praticato dalle sue squadre. Anche Enzo Bearzot, pur non essendo un esteta, mise in campo la Nazionale più spettacolare della storia azzurra nei Mondiali di Argentina del 1978. Quel progetto diventò vincente quattro anni dopo, quando alla bellezza si unirono anche la praticità e la concretezza che portarono al trionfo di Spagna ’82″.

Maurizio Sarri (Insidefoto)
Maurizio Sarri (Insidefoto)

“Con ‘il grande Vecio’, Sarri ha in comune anche la capacità di creare una coesione straordinaria nel gruppo di giocatori che guida. Uomini che per lui hanno dimostrato di dare sempre il massimo, grati ad un allenatore che con la sua cultura del lavoro ha esaltato e migliorato le individualità, inserendole però nel superiore concetto di squadra. Un maestro capace di scrivere uno spartito originale e sempre riconoscibile da tutti quelli che amano la bellezza, anche nel calcio”.

Sarri vince il premio Bearzot, l’albo d’oro

Arrivato alla sua settima edizione, il premio Bearzot in questi anni è andato a sei diversi allenatori italiani che hanno dato lustro al calcio europeo. Nell’albo d’oro del premio figurano: Cesare Prandelli, Walter Mazzarri, Vincenzo Montella, Carlo Ancelotti, Massimiliano Allegri e Claudio Ranieri, vincitore dell’ultima edizione dopo lo straordinario successo in Premier League alla guida del Leicester.