SHARE

Milan Project Redblack – Gli ultimi dettagli verso il closing per la cessione del Milan a Yonghong Li stanno per essere completati. Uno degli ultimi passaggi riguarda Blue Skye, la holding lussemburghese che supporterà Elliot nel finanziamento a quello che dovrebbe diventare il nuovo proprietario del club rossonero.

Il passaggio in questione è la creazione della holding Project RedBlack sarl: il 4 aprile la Luxembourg Investment Company 166 Sarl, controllata al 100% (che detiene tutte le 12 mila azioni dal valore nominale di 1 euro) da Blue Skye Financial Partners Sarl (anche questa lussemburghese), ha infatti cambiato nome, con un chiaro richiamo al rossonero.

L’assemblea del 4 aprile, oltre a cambio della denominazione, ha inoltre deliberato la creazione di tre classi di azioni: Classe A (5.999 azioni del valore nominale di 1 euro), Classe B (512 azioni del valore nominale di 1 Euro) e Classe C (5.489 azioni del valore nomina di 1 Euro). Insieme alle nuove azioni, è stata deliberata anche una modifica dello statuto, con il CdA che diventa di 3 amministratori, di cui 2 nominati dagli azionisti di Classe A e uno nominato dagli azionisti di Classe B.

Questa suddivisione tra le vari classi di azioni è stata chiarita con la cessione, da parte di Blue Skye, di 4079 azioni A a King George Investments LLC (holding con sede nel Delaware) e altre 1920 azioni A a Genio Investments LLC (holding sempre con sede nel Delaware): due holding che dovrebbero essere veicoli di Elliot, attore principale nell’operazione di finanziamento a Yonghong Li.

Milan Project RedBlack, il ruolo di Blue Skye

Protagonista resta però, ovviamente, anche Blue Skye Financial Partners Sarl: si tratta di holding finanziara con sede in Lussemburgo (ma che opera a Londra) specializzata nell’acquisto di distressed asset. Con un portafoglio di circa 1,2 miliardi di euro, le sue operazioni principali, attualmente è azionista di maggioranza del gruppo di moda John Richmond, con partecipazioni anche nel settore alberghiero con la società Bauer (roprietario di un hotel cinque stelle a Venezia) e nella ristorazione con Cipriani.

Milan RedBlack
Salvatore Cerchione, ceo di Blue Skye

La Blue Skye fa capo ai manager napoletani Gianluca D’Avanzo e Salvatore Cerchione, rispettivamente 42 e 46 anni, che hanno fondato la società nel 2004. Attualmente hanno cariche anche in Italia, sempre attraverso gli investimenti con Blue Skye: il primo è nel board di Domec (azienda attiva nel settore delle carte Prepaid, della Loyalty, del Customer engagement, del Promotion Management e del Couponing evoluto), mentre Cerchione è nel CdA di Cipriani, che possiede tra gli altri lo storico bar/ristorante Harry’s Bar a Venezia.

Proprio Cerchione dovrebbe entrare in prima persona nell’affare Milan: come riporta infatti Il Sole 24 Ore, dovrebbe entrare nel CdA non come consigliere bensì solo in qualità di osservatore. D’Avanzo, invece, dovrebbe essere inserito nel comitato dei creditori (insieme a Franck Tuil, manager di Elliott) che verrà informato da Fassone sul business plan del club rossonero.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA: