«I cinesi si stanno allontanando? Direi di no. Ci hanno chiesto una ulteriore breve proroga, e in questo non vedo nulla di preoccupante». Cosi’, in una intervista al quotidiano  romano Il Tempo, il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, prova a rasserenare gli animi dopo il nuovo rinvio del closing per la cessione del club a Sino Europe Sports Investment.

«Stiamo parlando di un’operazione finanziaria non solo di dimensioni significative, ma anche complessa alla luce delle leggi cinesi», ha spiegato Berlusconi.

«D’altronde gli investitori hanno versato caparre considerevoli a riprova della serietà delle loro intenzioni. Questo è importante non solo per il gruppo Fininvest ma soprattutto per i tifosi del Milan. Ho detto fin dal primo giorno che avrei consegnato il club solo a chi avesse potuto garantire la possibilità e la volontà di investire per fare di nuovo grande il Milan», ha sottolineato l’ex presidente del consiglio.

«Per me rinunciare al Milan è obbiettivamente doloroso: acquistarlo, farlo crescere, condurlo ai trionfi in tutto il mondo non è stato un investimento, è stato un atto d’amore».

Berlusconi non esclude comunque la possibilità di rimanere proprietario della società, anche solo in maniera ipotetica. «I tifosi stiano tranquilli, se venissero meno le condizioni indicate, tornerei indietro senza esitazione. Ma oggettivamente non vedo motivi per i quali questo dovrebbe accadere».

Sulle vicende societarie rossonere ha detto la sua anche il direttore sportivo del Milan, Rocco Maiorino. «La settimana è stata intensa come tutte, abbiamo sempre lavorato con la stessa voglia e lo stesso impegno. Attendevamo indicazioni da Fininvest e continuiamo ad attendere: finché siamo qui continueremo a lavorare come abbiamo sempre fatto».

«I rinnovi? Vediamo, stiamo aspettando che la questione del closing finisca, noi siamo tranquilli, aspettiamo Fininvest e poi faremo le nostre valutazioni, se saremo noi o l’eventuale cordata di acquirenti. Donnarumma Ha un contratto che scade nel 2018, c’è tutto il tempo per trattare e eventualmente rinnovare, che è la nostra priorità – ha detto a Premium Sport Maiorino prima della partita vinta dal Milan per 3-1 contro il Chievo -. Per noi e la squadra non è cambiato nulla, siamo assolutamente tranquilli. Abbiamo lavorato dal primo giorno isolandoci, Montella è stato bravissimo a farlo».

PrecedenteMilan, scaduto il contratto tra Fininvest e SES: i cinesi promettono tempi brevi per il closing
SuccessivoLa sfida Tavecchio-Abodi: come funziona l’elezione del presidente della Figc