investimenti juventus difensori ingaggio ammortamenti
Higuain affronta Caldara (Insidefoto.com)

Negli ultimi giorni si sono sempre fatte più insistenti le voci che vedono Mattia Caldara come prossimo rinforzo per la Juventus di Massimiliano Allegri, probabilmente con la prospettiva di un altro anno a Bergamo prima del passaggio in bianconero.

La Juventus ha, da sempre, un pallino per i giovani prospetti italiani e fonda gran parte del suo vantaggio competitivo e della sua costanza di rendimento proprio su giocatori con questo tipo di profilo e caratteristiche.

investimenti juventus difensori ingaggio ammortamenti

Tabella 1: età alla firma, costo storico e scadenza contratto della difesa Juventus.

L’interesse per il 22enne bergamasco riporta alla memoria alcune delle più importanti operazioni effettuate in ingresso dalla Vecchia Signora per rinforzare il pacchetto difensivo.

Gli acquisti di Bonucci, Chiellini e da ultimo Rugani (che ha appena rinnovato) sembrano ricalcare quanto la Società vuole fare oggi con Caldara: inserire un giovane di livello, italiano, capace nel tempo di crescere e “prendere” il posto dei giocatori più esperti.

Strategia che recentemente ha dato i suoi frutti con l’esplosione dello stesso Rugani (che ha rinnovato tra l’altro fino al 2021), ormai a tutti gli effetti un titolare aggiunto della squadra di mister Allegri.

Considerando che anche Alex Sandro è stato acquistato in giovane età (24anni) ed ha vissuto la prima stagione in “affiancamento” alla chioccia Patrice Evra (preso a parametro zero dal Manchester United), possiamo concludere che anche sulla fascia sinistra Marotta e il suo staff hanno programmato a dovere il passaggio di consegne.

Sul lato opposto invece oltre a Lichtsteiner (che arrivò già “maturo” dalla Lazio, ma va ricordato che venne acquistato per sostituire i vari Motta e Grygera) è stato recentemente inserito anche Dani Alves (altro parametro zero): 33enne di grande esperienza capace di diversificare innanzitutto le caratteristiche dell’esterno basso (più “prudente” lo svizzero, più “offensivo” il brasiliano) e garantire il giusto grado di esperienza internazionale per guidare i più giovani.

Tuttavia a causa di problemi di ambientamento con il calcio italiano e del recente lungo infortunio, l’ex Barcelona non ha ancora probabilmente dato il contributo che tifosi e critica si aspettavano.

Conclude il reparto Mehdi Benatia, in prestito dal Bayern Monaco con diritto di riscatto, in cerca di rilancio dopo le opache stagioni in Germania. Non dimentichiamo che il marocchino era stato pilastro difensivo fondamentale della brillante Roma di Garcia e che se dovesse tornare sui quei livelli sarà difficile toglierlo dall’undici titolare.

Anche qui è valido lo stesso discorso fatto per Dani Alves: non sono in discussione le qualità del giocatore, ma al momento il rendimento è stato al di sotto (soprattutto a causa dei ripetuti infortuni) delle potenzialità.

investimenti juventus difensori ingaggio ammortamenti

*E’ calcolato il costo del prestito.

Tabella 2: età alla firma, costo storico e scadenza contratto della difesa Juventus.

Per garantirsi questa solidità difensiva (14 gol subiti nelle prime 17 gare del campionato e 8,2 tiri concessi a gara, dato migliore dell’intera serie A cui si avvicina solo il Napoli con 9,4) a conti fatti la Juventus spende poco, circa 61 milioni di Euro (dei 300 milioni che dovrebbe contabilizzare, secondo le stime di CF – calciefinanza.it, al 30 giugno 2017, cioè il 20,5% del totale). Da notare che l’ammortamento annuo è inferiore al milione di Euro per tutti i giocatori tranne Alex Sandro e Benatia (che è però in prestito). In senso generale per gli ammortamenti è da notare che bassa è anche l’incidenza sul costo totale per i difensori, segno che sono stati fatti investimenti mirati, senza eccessive spese e senza la necessità di dover “rincorrere” la concorrenza sprecando risorse.

Per il pacchetto difensivo il 16% dei costi in conto economico è dato dagli ammortamenti, mentre i restanti 50 milioni circa sono stipendi. Alla necessità questa potrebbe essere anche un’arma di ultima istanza nel caso in cui il bilancio non dovesse “quadrare”: ad un ammortamento basso corrisponde sia una durata del contratto lunga, ma soprattutto un carico residuo limitato. Qualsiasi offerta dunque genererebbe plusvalenza economica per i conti della Juventus.

Insomma, la programmazione garantisce una doppia vittoria ai bianconeri: risultati sul campo (che poi sono sia obiettivo sia acceleratore di business) e bilancio in ordine.

3 COMMENTI

  1. La Juventus gioca in un Campionato simile a quello Francese e Tedesco, cioè con una squadra nettamente più forte, mentre quello Spagnolo ha almeno 3 squadre di livello molto elevato.

    Se si guarda all’anno scorso (ma è simile anche in quelli precedenti) si vede:
    Juve: Campionato: 75 goal fatti, 20 goal subiti.
    Un’ottima performance e una difesa che ha preso pochissimi goal sia in assoluto, 20, sia rispetto a quelli fatti: il 27%. Che è un altro indicatore importante.

    Però:

    Bayern: Campionato: 80 goal fatti, 19 goal subiti. 24%
    PSG: Campionato: 102 goal fatti, 19 goal subiti. 19%
    Barcellona: Campionato: 112 goal fatti, 29 subiti. 26%

    Dunque anche le altre difese hanno performance simili, anzi migliori.

    La Juventus gioca di base con una difesa a 5 (3 difensori centrali e 2 laterali, cioè 2 terzini).
    Quelle estere con una difesa a 4 (2 difensori centrali e 2 laterali, cioè 2 terzini).
    Quindi ottengono di incassare pochi goal con un difensore centrale in meno e inoltre giocando un calcio più offensivo e teoricamente quindi più rischioso.
    Mentre si potrebbe sostenere che il Campionato Francese è più facile, non si può certo dirlo per il Campionato Spagnolo con Real Madrid, Atletico Madrid, e poi Siviglia, Valencia, Villareal ecc..
    Ma nemmeno per quello Tedesco, con Borussia Dortmund, B. Moencheglabad, Wolfsburg, Schalke 04, Bayer Leverkusen… tutte squadre con un costo della rosa pari o superiore a Napoli, Roma, Milan, Inter…

    Un’altra forma di confronto per giudicare se la difesa della Juventus è “la più forte del mondo”(o almeno una delle più forti) è la performance in Champions, dove il livello delle squadre è già più selezionato. E dove c’è appunto il contesto cioè “il mondo”.

    Guardiamo i goal fatti (GF) e i goal subiti (GS) in 3 anni:

    _______Juventus____ Barc. ____Real____ Atl. M.____Bayern____ PSG
    ________GF GS_____ GF GS___ GF GS___ GF GS ____GF GS_____ GF GS
    2013-14___ 9  9 ______21  8____ 41 10____ 26 10____ 24 13______25  9
    2014-15__ 17 10_____ 31 11____ 24  9_____15  5_____33 13 _____14 15
    2015-16__ 18 14_____ 39 12 ____49 9_____ 27 11____ 51 16_____ 31  8

    TOTALE: _GF GS______GF GS___ GF GS___GF GS_____GF GS_____GF GS
    ______Juventus_____Barc. ____Real____Atl.M._____Bayern_____ PSG
    Totale:__ 44 33______ 91 31___114 28___ 68 26______108 42_____ 70 32
    %GS/GF__ 75%______ 34%_____25%____ 38%______ 39%______ 46%

    La difesa della Juventus è la più forte difesa Italiana, ma non la più forte difesa del mondo, e neanche una delle più forti.
    Anzi lascia un po’ a desiderare, pur giocando con un difensore in più delle altre squadre.
    In 3 anni ha preso più goal di quasi tutti, pur fermandosi una volta agli ottavi e una volta non passando neanche le qualificazioni e cioè complessivamente facendo meno partite di tutte le altre squadre.
    Inoltre ha fatto metà goal degli altri, avendo un gioco più difensivo, e giocando con un difensore in più.

    Partite giocate in Champions nel 2013-14, 2014-15, 2015-16:
    Juventus: 6+13+8 = 27
    Barcellona: 10+13+10 = 33
    Real Madrid: 13+12+13 = 38