Al via ieri davanti al collegio composto dal presidente Maria Stella Leone e dai giudici a latere Francesco Beraglia ed Elisa Mombelli il processo sul calcio scommesse che vede imputati 37 tra calciatori, ex calciatori, professionisti e dirigenti sportivi che lo scorso maggio erano stati rinviati a giudizio dal gup Pierpaolo Beluzzi con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva.

Tra questi ci sono l’ex capitano atalantino Cristiano Doni, il laziale Stefano Mauri, l’ex bomber della Nazionale Beppe Signori, l’ex calciatore Stefano Bettarini e Marco Paoloni, ex portiere di Cremonese e Benevento. Nessuno degli imputati era presente.

In un tribunale blindato di forze dell’ordine (all’ingresso corsia preferenziale per gli avvocati e via dei Tribunali chiusa al traffico) erano state preparate appositamente tre aule videocollegate, ma alla fine e’ stata utilizzata solo l’aula polifunzionale al piano terra di palazzo di giustizia.

A rappresentare l’accusa, non piu’ il procuratore Roberto di Martino, che il 12 dicembre andra’ in pensione, ma i due sostituti procuratori Francesco Ignazio Abbadessa e Laura Patelli che hanno intenzione di chiamare 169 testimoni, tra cui l’ex calciatore della Nazionale Gennaro Gattuso, la cui posizione nell’inchiesta era gia’ stata archiviata dal gip Guido Salvini, e l’ex bomber Christian Vieri. 19 le parti civili che si erano gia’ costituite davanti al gup ma che pero’ dovranno essere riammesse dal collegio.