De Laurentiis Funivie Folgarida Marileva
Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis (Foto Insidefoto.com)

In casa Napoli sono in arrivo novità interessanti a livello di management grazie a una decisione voluta direttamente dal presidente Aurelio De Laurentiis, uno dei primi a capire le potenzialità del mercato orientale. Come riporta “Il Corriere del Mezziogiorno”, infatti, a partire dal mese di settembre entrerà a far parte del club partenopeo Serena Salvione, 37enne originaria della provincia di Benevento.

La donna, che vanta una laurea in Economia aziendale alla Bocconi di Milano con una tesi dedicata proprio al mondo dello sport, è pronta a mettersi al servizio del vulcanico presidente azzurro mettendo a frutto la sua specializzazione nei diritti di immagine dei calciatori e nei mercati esteri. Molto spesso, infatti, si parla dei dettagliati contratti che vengono fatti firmare ai giocatori che vengono ingaggiati dalla formazione campana.

La Salvione, che ha creato una società di marketing, la Football Capital Marketing, con sede anche a Milano, sta già cercando di studiare da qualche settimana quali possono essere le potenzialità del brand Napoli. Nel club potrà lavorare all’interno dell’ufficio marketing, capeggiato dal manager Alessandro Formisano.

 

La scelta della 37enne non è casuale: nella città del Vesuvio potrà infatti far valere la sua esperienza di cinque anni alla Juventus, a cui ha fatto seguito un’altra, altrettanto importante, nella Nba, dove aveva il compito di vendere il marchio del campionato di basket americano nel mondo.

La Salvione, nonostante un curriculum di tutto rispetto, non ha nascosto le difficoltà di emergere in un mondo come quello del calcio in cui spesso le donne continuano a essere guardate con diffidenza. “Ci sono ruoli – ha detto in un convegno dedicato alle donne manager dello sport organizzato a Treviso – in cui una donna non accede, ad esempio la team manager, perché deve essere a contatto diretto con la squadra. Ma difficoltà ne ho incontrate anche nel mio ruolo di gestione degli sponsor perché le attività di sponsorizzazione prevedevano rapporti con i giocatori, e io ero sempre l’unica donna in albergo, l’unica in arereo”.

Il compito che la nuova manager scelta dal presidente parteneopeo dovrà portare avanti è quindi ambizioso, ma allo stesso elettrizzante. De Laurentiis aspira innanzitutto ad avvicinarsi al fatturato della Juventus (al momento il più alto in Italia – pari a 384 milioni), anche se l’impresa è ardua. Gli azzurri si fermano infatti a quota 170 milioni. Anche in ambito professionale, però, il patron napoletano ha già compreso appieno le potenzialità del mercato orientale, dove si è già mosso per acquisire i diritti per distribuire film americani. La Salvione cercherà quindi di stipulare nuove operazioni commerciali in Cina, India e Giappone, zone sempre più affascinate dal mondo del pallone nostrano.

PrecedenteNiente Juventus in Pes 2017: i bianconeri si chiameranno PM Black White
SuccessivoOlimpiadi Rai, la pubblicità fa poco più di un decimo degli Europei di calcio