Programmi futuri Erick Thohir. “Rimango all’Inter e avrò la maggioranza”. Il presidente Erick Thohir, dopo giorni di voci e rumor incontrollati sul futuro del club nerazzurro, smentisce un suo addio, in un’intervista a Inter Channel rinnova l’impegno verso Moratti e i tifosi e conferma di essere alla ricerca di un socio di minoranza: “Se c’è la possibilità di avere un partner che possa rendere l’Inter più forte, perché no? Voglio che il club torni al top ma non c’è l’intenzione di cedere le quote di maggioranza”.

Thohir è contrariato di quanto scritto dalla stampa nelle ultime settimane e vuole fare chiarezza. Assicura di non avere problemi con Moratti, di non aver litigato con Mancini e, soprattutto, nega che l’Inter sia sull’orlo della bancarotta: “Benvenuti in Italia! I giornali scrivono sempre cose diverse. Io sono qui da due anni e cerco di ricostruire la squadra, Moratti mi aiuta, mi dà consigli. Stiamo seguendo la giusta direzione. I risultati si vedono. Non so perché i giornali scrivano così. Non ne ho idea. I media devono dire la verità, devono controllare i bilanci. Io sono proprietario di una compagnia di media, ma rispetto i nostri lettori e chi prende le decisioni”.

Un attacco durissimo poco prima di vedersi con Massimo Moratti a cena. Sul tavolo il futuro della società e le decisioni dello stesso ex presidente riguardo le sue quote e il suo ruolo. Secondo voci, comunque smentite, non sarebbe da escludere un ritorno di Moratti alla guida del club.

Thohir però volge lo sguardo alla Cina: “Dobbiamo essere aperti verso il mondo – conferma Thohir – perché siamo una delle migliori 20 squadre. Tutti i club crescono e anche noi dobbiamo farlo“.

Il presidente nerazzurro parla del piano quinquennale stabilito due anni fa, rivendica i passi avanti fatti e cita la sua esperienza al Dc United: “Ci sono stati alti e bassi in questi anni, ma sono ancora lì a supportare la squadra”. Sabato sera Thohir era in tribuna a San Siro e si è goduto la vittoria sul Napoli, in quella che è stata a suo giudizio “una delle migliori prestazioni” dei nerazzurri.

Ora l’Inter è a soli quattro punti dalla Roma e il presidente crede nella Champions: “Ci sono ancora cinque partite, dobbiamo trovare continuità e mostrare a tutti che l’Inter è capace di giocare bene. Possiamo ancora raggiungere il nostro obiettivo”. I nerazzurri se vogliono continuare a sperare nel terzo posto non potranno sbagliare nulla.

E Thohir chiede a tutti un ultimo sforzo: “Mancini dovrà riuscire a spingere al massimo, anche i ragazzi devono sentirsi orgogliosi di indossare questa maglia”. Le qualità ci sono, secondo il presidente, che si complimenta con Kondogbia, Perisic, Brozovic definito “un pezzo importante della nostra Inter”, Icardi e Jovetic: “Possono essere una coppia letale”. Mercoledì l’Inter giocherà contro il Genoa in trasferta, poi affronterà l’Udinese a San Siro. Thohir sarà in tribuna per caricare la squadra e sperare in un terzo posto che aiuterebbe soprattutto le finanze del club.