Mille euro per Mario Gomez. E’ quanto può sborsare il Besiktas per prendere il centravanti tedesco riscattandolo dalla Fiorentina. Oggi La Repubblica di Firenze ricostruisce tutta la vicenda di mercato attorno all’ex giocatore viola.

Innanzitutto è giusto dire che il Besiktas può sì riscattare il cartellino di Gomez con mille euro, ma nel frattempo ha tirato fuori 3 milioni e mezzo.

Pagato 15 milioni, Mario Gomez se ne andrà a 3,5, e la Fiorentina, calcolando l’ammortamento in bilancio, alla fine andrà quasi in pari, o con una minusvalenza minima. Poi però c’è da calcolare lo stipendio risparmiato, quindi due anni, che al lordo fanno 16 milioni. Non poco.

Va anche detto che la Fiorentina si è tutelata sul patrimonio mantenendo il diritto a una percentuale cospicua (il 40 per cento) sulla eventuale cessione del giocatore da parte della società turca a una società terza.

Giusto aggiungere però che il contratto del tedesco scadrà nel giugno del 2017 e l’idea che lui decida di arrivare fino in fondo per poi svincolarsi pare al momento la più logica. Insomma, in questo caso la Fiorentina ha ottenuto quello che voleva, cioè liberarsi di un ingaggio che pesava troppo.

E la cifra simbolica dell’eventuale riscatto spiega quanto la società dei Della Valle ci tenga al fatto che Gomez non torni a Firenze. Per lo stipendio, appunto, che non fa parte del progetto.

Soprattutto se paragonato alla resa tecnica del suo periodo fiorentino (anche se ora con 14 gol complessivi, il tedesco è tornato a segnare) dove è stato sostituito da Nikola Kalinic che costa un terzo, guadagna un quarto e segna molto di più.

Nel frattempo si affaccia l’idea di un prossimo addio di Pepito, quello che con Gomez ha formato la coppia teorica più forte della Serie A. Peccato per quel “teorica”, perché l’idea non era davvero male, anche se poi le cose non sono andate nel verso giusto.

Ma questa volta la Fiorentina sul diritto di riscatto non molla e non accetta di parlare di una cifra inferiore ai 10 milioni di euro. Anche perchè, e questo ci vuole poco a capirlo, se una squadra lo vuole riscattare è perchè Pepito ha fatto bene e se così fosse il suo cartellino costerebbe, e non poco.