Mentre in Italia la nuova Rai guidata dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto punta forte sullo sport (in particolare su calcio e tennis) per rilanciarsi e si avvia a lanciare una propria piattaforma pay-per-view, nel Regno Unito la Bbc è alle prese con un piano di razionalizzazione che dovrebbe portare a un ridimensionamento della presenza della tv pubblica nella copertura dei grandi eventi sportivi.

La Bbc ha infatti deciso di puntare in misura minore sullo sport alla luce dei costi crescenti dei diritti televisivi. Per questa ragione, nei prossimi mesi, potrebbero uscire dalla programmazione dell’emittente pubblica britannica anche gare importanti: a rischio c’è persino il torneo di tennis di Wimbledon, conosciuto in tutto il mondo e a cui i sudditi di Sua maestà sono patriotticamente molto attaccati.

Dopo aver già rinunciato agli Open di golf, passati a Sky, dalla prossima riduzione della spesa in diritti sportivi l’emittente tv britannica prevede di risparmiare 35 milioni di sterline sui 150 milioni complessivi (rispettivamente pari a 50 milioni e 214 milioni di euro).

In aggiunta, Bbc pensa di eliminare anche il servizio interattivo Red Button con cui, tra l’altro, uno spettatore può decidere di seguire dal suo schermo di casa più competizioni sportive in contemporanea. Per arrivare al traguardo finale dei 150 milioni di sterline, comunque, la tv pubblica non sta intervenendo solo sui programmi in scaletta ma ha già deciso di mettere a dieta i suoi giornalisti, vietando spese extra al bar, viaggi in prima classe e spostamenti in taxi nelle ore di punta londinesi.