Florentino Perez tratta con Mediaset per potenziare Real Madrid Tv. Lo scorso mese il Real Madrid ha vinto una delle sei licenze rilasciate dal Ministero dell’industria che lascia la possibilità di capire fino ad aprile quale sia il miglior canale di trasmissione da sfruttare. Dal 1999 la società spagnola ha affidato a Mediapro il compito di raggiungere i tanti appassionati e tifosi presenti nel mondo attraverso la televisione, ma ora si sta valutando l’idea di cambiare rotta e iniziare una nuova avventura.

Secondo le ultime indiscrezioni, infatti, il presidende del Real Madrid Florentino Perez starebbe valutando di iniziare una nuova collaborazione con Mediaset, e rompere il rapporto con la catena di Jaume Roures, anche se con la consapevolezza che sarebbe un duro colpo per la società del Qatar che ormai da sedici anni si occupa di trovare nuovi canali promozionali. L’idea che stanno sviluppando alla casa “blanca” è di sviluppare le proprie prestazioni per cercare di rivedere la visione generale e le questioni che potrebbero porre in esame i problemi dello sport. Le trattative sono comunque ancora a una fase iniziale, ma Vasile sembra essere desideroso di poter intraprendere questa collaborazione e di promuovere la rete attraverso Publiespaña. Se davvero l’accordo potesse essere formalizzato, Florentino Perez avrebbe la possibilità di posizionare Real Madrid Tv in cima rispetto al resto delle sue attività. Da non scartare però anche la possibilità di un accordo con Movistar +, anche se sembra più facile arrivare a una risposta positiva da parte del gruppo di Vasile. Telefonica, però, vorrebbe avere non solo la produzione del canale, ma lo sfruttamento di tutti i diritti, un aspetto certamente non secondario.

Mettere in atto una chiara inversione di rotta diventa però indispensabile per Real Madrid Tv: una formazione leggendaria come quella spagnola, che secondo gli ultimi dati può contare su ben 750 milioni di fan in tutto il mondo, infatti, deve poter contare su un canale tematico che consenta di essere costantemente aggiornati, ma con un buon riscontro da parte del pubblico. Secondo gli ultimi dati l’emittente spesso non riesce ad andare oltre l’1% di share ed è per questo che diventa indispensabile riuscire a trovare nuove strade per valorizzare il prodotto anche sul piano economico.