Poca, troppo poca, Fiorentina in tv. Nonostante il primato. Una vecchia polemica mai sopita (che in realtà riguarda sostanzialmente ogni squadra tranne le superbig del campionato) torna a far capolino sui social dopo che la Viola ha conquistato (e riconquistato domenica) il primo posto in classifica.

Gli opinionisti (in particolare Del Piero, Costacurta, Marocchi e Paolo Condò a Sky Calcio Show) non danno troppo credito alla squadra di Paulo Sousa, la cui intervista peraltro non è stata mandata in diretta domenica sera, e le lamentele fioccano.

La polemica è stata ripresa oggi dal Corriere Fiorentino. Sky si difende: “il nostro Countdown dedicato agli approfondimenti è partito proprio parlando della Fiorentina. In studio abbiamo chiesto addirittura se potesse emulare il Verona di Bagnoli. Di lamentele così ne riceviamo quasi da tutta Italia, ma la squadra viola a noi interessa molto”.

Da Sky tengono a precisare anche che Condò, in quel famoso sondaggio in diretta, «ha messo la Fiorentina sullo stesso piano dell’Inter e subito dietro alla coppia Roma-Napoli», di fatto considerando Borja e compagni in piena corsa per il terzo posto.

Anche Mediaset si difende e precisa: «Quello sui viola – aggiunge il direttore di Sport Mediaset Alberto Brandi – è stato il secondo servizio del nostro tg dell’ora di pranzo. Abbiamo mandato in onda la Fiorentina prima ancora del pezzo dedicato alla vigilia della Champions, perché a Premium vogliamo coccolare tutte le nostre 8 squadre. Dico di più: Sousa gioca il miglior calcio d’Italia e da amante di questo sport mi auguro possa arrivare più in alto possibile».

Carlo Paris, direttore di Rai Sport, va anche oltre. E scavalca le logiche dell’audience e del bacino d’utenza per spiegare che «l’unica logica che conta è quella della notizia. Vi faccio un esempio – continua – per Fiorentina-Roma c’erano cinque inviati Rai al Franchi. Per questo sono stato accusato di essere filo-Renzi e soggetto al potere politico. Niente di più falso, perché l’unica cosa che contava era dare un buon servizio per una partita tra prima e seconda in classifica. A noi non interessa se la Fiorentina “tira” meno del Milan o di altre, a noi interessa quello che propone la serie A. Di certo per Fiorentina-Frosinone abbiamo avuto una copertura inferiore, ma qui ritorno sul concetto primario: conta l’importanza della partita stessa e la gerarchia delle notizie da mettere in scaletta».

A proposito di notizie, Mario Sconcerti, fiorentino doc, editorialista del Corriere della Sera e opinionista Sky, entra nel merito del problema: «Vi giro la questione – dice Sconcerti – quante volte Firenze va in prima pagina per un fatto di cronaca? La nostra città è nobile ma non popolosa e non può far finta di essere una grande piazza. Detto questo aggiungo “chissenefrega”. Perché diventa ancora più gradevole cercare di affermarsi e perché personalmente sono felice di stare nell’oscurità, visto che da lì si cattura meglio la preda».

«Ha ragione Sconcerti – chiude la storica voce Rai della Nazionale Bruno Pizzul – c’è un’inevitabile sproporzione tra i club che polarizzano il tifo e tutte le altre. Non è giusto, ma temo sarà difficile cambiare questo sistema: se si lamentano i fiorentini però, cosa dovrebbero dire i tifosi di Atalanta, Udinese, Cagliari e via dicendo? A loro vengono concessi spiccioli di trasmissione, ma il motivo resta sempre quello: i soldi. Come quelli che persero i grandi media nazionali nell’anno dello scudetto del Verona. Se vince una piccola infatti, il 75% dei tifosi di calcio non guarda più la tv e non compra i giornali». A Firenze allora non resta che sperare di costringere tutti ad accendere i riflettori.