Tavecchio, presidente della Figc, ufficializza la posizione dell’Italia in merito alla prossime elezioni per la presidenza FIFA che si terranno il prossimo 26 febbraio.

Michel Platini può “contribuire a restituire credibilità e autorevolezza alla Fifa”. Lo dice il presidente della Figc Carlo Tavecchio, nella lettera inviata al segretario generale della Fifa Jérome Valcke con la quale la Federcalcio ha ufficializzato che sosterrà la candidatura alla presidenza della Fifa di Platini in occasione del congresso straordinario in programma il prossimo 26 febbraio.

“Sosterremo la candidatura di Platini – spiega il numero uno del calcio italiano – perché è un dirigente preparato e in grado di avviare quelle riforme necessarie per il rilancio del massimo organismo calcistico mondiale. Come ho più volte avuto modo di ribadire nelle scorse settimane, l’Italia è sempre stata favorevole alla sua discesa in campo”. “Il lavoro svolto in questi anni alla guida della Uefa – conclude Tavecchio – rappresenta infatti un’ulteriore garanzia delle sue capacità e di come possa contribuire a restituire credibilità e autorevolezza alla Fifa in un momento così difficile della sua storia”.

Il presidente dell’UEFA, Michel Platini, dovrà superare candidati di livello come: Ali, Figo e Chung Mong-Joon. Soprattutto l’ex vicepresidente coreano della FIFA è il maggior indiziato per ostacolare la vittoria di Platini.

Dal canto suo, il numero uno della UEFA avrà l’appoggio della Russia, dell’Italia, della Germania e dell’Adidas.

Nel caso in cui nelle elezioni del 26 febbraio prossimo Platini dovesse uscirne vittorioso, il prossimo presidente della UEFA potrebbe essere Wolfgang Niersbach, presidente della Federcalcio tedesca.

In questo modo, i rapporti tra l’Adidas e le due organizzazioni calcistiche si rinforzerebbe ulteriormente, consentendo così all’azienda tedesca di poter agire liberamente dal punto di vista del marketing nell’ambito di entrambe le partnership commerciali.

PrecedenteCalcioscommesse, l’11 agosto il tribunale della FIGC darà il via al dibattimento sul Catania
SuccessivoNuova Quarto, la squadra simbolo dell’anti-racket prova a rinascere con l’azionariato popolare
Laureato in scienze politiche, ha frequentato il master in 'Informazioni multimediali e giornalismo economico' presso il Sole24Ore.