Juventus Allegri rinnova. Nuovo accordo fino alla fine del 2017 per Massimiliano Allegri. Esattamente un anno fa si era – di questi tempi – alla vigilia della tempesta che portò alle dimissioni di Antonio Conte e il tecnico di Livorno venne ingaggiato per due stagioni a 2,5 milioni di euro. Oggi l’accordo che viene rinnovato fino alla fine del 2017 con un sostanziale ritocco: 3,5 milioni di euro all’anno per le prossime due stagioni.

Un ingaggio che comunque lascia in vetta alla classifica degli ingaggi più onerosi degli allenatori di serie A quello di Roberto Mancini. L’allenatore dell’Inter ha sostituito nel novembre scorso Walter Mazzarri con un accordo da 2,7 milioni per la prima stagione e da 4 milioni all’anno più bonus per le due successive.

serie a 2015  2016 stipendi allenatori

Sarà quindi il Mancio il tecnico più costoso della serie A, prendendo il posto che era stato occupato fino allo scorso mese di giugno da Rafa Benitez, che all’inizio della scorsa stagione era il tecnico più pagato grazie ad un ingaggio da 3,5 milioni di euro l’anno.

La Juventus riesce così – di fatto – a contenere l’ingaggio del tecnico rispetto ai competitor. Mai in queste ultime stagioni la società bianconera è stata quella che più ha speso per l’allenatore. Se lo scorso anno Allegri iniziò addirittura al quarto posto in classifica (Mazzarri con 3,3 milioni e Garcia con 2,8 milioni prendevano più di lui oltre a Benitez, di cui si è detto), nella stagione precedente si cominciò con Conte (3 milioni netti di ingaggio) alle spalle dei “soliti” Mazzarri e Benitez e davanti proprio a Massimiliano Allegri, ai tempi tecnico del Milan con 2,5 milioni di euro.

“Allegri ha rinnovato per un anno di più, quindi di questo siamo felici e orgogliosi”. A ufficializzare il rinnovo del tecnico bianconero è il presidente della Juventus Andrea Agnelli durante la conferenza stampa per il rinnovo fino al 2019 con Claudio Marchisio. “Ha avuto un primo anno straordinario, ne abbiamo già parlato, e sappiamo che abbiamo una guida decisa a fare altrettanto bene nei prossimi due anni di permanenza qui con noi”, conclude Agnelli.