Ricostruzione stadio Filadelfia – A circa sette mesi dal bando di gara è stato aggiudicato l’appalto per la ricostruzione del vecchio stadio del Torino Calcio, noto anche come Filadelfia. A vincere la gara, indetta dalla Società di Committenza Regione Piemonte SpA, è stato un team di imprese guidato dall’astigiana Cs Costruzioni, che si è aggiudicata i lavori per l’opera a un ribasso minimo: 6.195. 982,73 euro rispetto a una base d’asta di 6.338.916,58 euro.

Il progetto preliminare dello Stadio non è però quello che aveva vinto l’apposito concorso di progettazione lanciato nel 2011 dalla Fondazione Filadelfia per selezionare le migliori idee per l’impianto da ricostruire. In quell’occasione erano pervenute 34 proposte tra cui la commissione, presieduta dall’architetto Eraldo Martinetto, aveva selezionato quella firmata da un team guidato dall’architetto vicentino Nicola Rossi.

Successivamente però, la cda della Fondazione ha incaricato lo stesso architetto Martinetto di redigere un progetto sulla base degli elementi emersi dal concorso. Il progetto è stato poi acquistato da Urbano Cairo, presidente del Torino calcio, ed è stato posto a base di gara nel bando lanciato nell’ottobre 2014.

Oggi, l’area del vecchio stadio è da tempo in stato di degrado. Il progetto di restyling prevede la realizzazione di due campi, di cui uno circondato tra tre lati da gradoni e un lato invece con una tribuna coperta.