L’effetto Champions ha trascinato quest’anno le vendite delle maglie bianconere della Juventus. L’ultimo anno con Nike sarà infatti ricordato come quello dell’entrata del club bianconero nella top ten mondiale grazie ad una vendita che ha superato il milione di esemplari attestandosi a 1,078 milioni e portando il club al nono posto mondiale. Lo dice uno studio della società di marketing sportivo Euroamericas.

Sono lontane le performance del Real Madrid, primo con 2,533 milioni di esemplari venduti, così come del Barcellona con 2,440 milioni di esemplari e del Bayern che sfiora i 2 milioni totali e si ferma a 1,977 milioni. Ma la tendenza alla crescita è un segnale importantissimo per il club bianconero, anche in vista del nuovo accordo con l’Adidas che – oltre al cambio dello sponsor tecnico – comprende pure una sostanziale rivisitazione della strategia di distribuzione, con il club che gestirà in prima persona il business al contrario di quanto fatto fino a quest’anno.

Ad un prezzo medio di 80 euro le vendite del Real danno ad esempio un fatturato di oltre 202 milioni di euro. Ma ovviamente le entrate vengono divise tra il club e lo sponsor tecnico che sostiene i costi di produzione. Alcuni club hanno poi delegato la gestione delle forniture e della distribuzione al partner tecnico come successo con la Juventus che ha avuto questo tipo di accordo con Nike, una situazione che tuttavia cambierà con Adidas.

Un business in crescita che complice pure la pluridecorata maglia del prossimo anno che sta già accendendo la fantasia dei tifosi per immaginare la distribuzione di scudetto, coccarda, eventuale ritorno delle stelle d’oro e di quella d’argento per le 10 coppe Italia da più parti ventilata ma non ancora certa.

Chi ha subito il contraccolpo maggiore nell’ultima stagione è il Manchester United che scende dalla prima alla quarta posizione perdendo di fatto 800 mila magliette vendute dai 2,7 milioni del 2014 a 1,946 milioni di esemplari. Il ritorno in Champions riporterà probabilmente i Red devils oltre la quota significativa del 2 milioni in quella che sarà – così come per la Juventus – la prima maglia dell’era Adidas in una società storicamente legata a Nike.

Il calo del Manchester United causa anche – per la prima volta da quando questa classifica viene stilata – l’assenza di una squadra di Premier dal podio. Il Chelsea si ferma in quinta posizione con 1,866 milioni di maglie vendute e l’Arsenal è sesto con 1,455 milioni. Tra loro si piazza il Psg con 1,733 milioni: un bel salto per la società parigina che si trovava lo scorso anno al decimo posto e che ha incrementato di 600 mila pezzi la sua distribuzione.

In discesa invece il Milan, che rimane nella top ten ma finisce al decimo posto e scende sotto il milione di esemplari fermandosi a 987 mila per una perdita secca di 500 mila maglie vendute rispetto al prossimo anno.

 

7 COMMENTI

  1. dal 2016 (e non dal 2017)l’ultima della premier incasserà più della Juventus solo dai diritti tv. E’da evidenziare che Jeep sponsorizza la Juventus dal 2011 ma non ha mai pagato le’sclusività ovvero nessun amrchio automotive può sponsorizzare la Juventus. Basta constatare che il wolfsburg prende da Volkswagen gli stessi soldi annui dal 2011 che invece il gruppo Fca ha accordato alla Juventus per i 6 anni dal 2015 al 2021,. Una cosa assurda fatta passare sottosilenzio anche da calcioefinanza.E vogliam parlare del contratto adidas siglato sempre da andrea agnelli tramite il suo amico francesco calvio messo li a capo dels ettore commerciale? Un contratto fatto su cifre risibili, eprfino il liverpool che non vicne praticament enulla da anni epr non aprlare dell’arsenal coun Puma anno firmato partnership notevolmente migliore. E Agnelli ha pure il coraggio di citare la contraffazione, quando li e la sua famiglia non hanno mai detto nulla sui controlli e le punizioni inesistenti per chi vende materiale contraffatto della Juventus intorno allo stadio in città da oltrle 20 anni, quancuno anche incrediibilmente autorizzato dal comune come “esercizio mobile”. Hanno firmato 2 contratti capestro, uno dei 2 con un’azienda da loro stessa controllata , la cui azienda in un documento interno certifica che l’accordo con Jeep fin dal 2011 è stato ULTRA VANTAGGIOSO per il marchio in termini di pubblicità(basti pensare all’audience della semifinale di champions col real). Insomma pensatree che in questi 3 anni la Jeep ha sponsorizzato la Juve non solo non pagando l’esclusiva automotive, ma ha fato un corrispettivo nettament eifneriore a quello eprcepito dal Wolfsburg da Volkswagen. E per i prossimi 6 anni in pratica la Juventus incasserò una cifrà risibile rispetto a tutute le altre big europeee anche quelle che non vincono un tubo da anni.
    La famiglia agnelli , che non ha alcuna reale ambizione per la Juventus se non quella di vivacchiare alla giornata, perchè a loro la squadra di calcio fa comodo averla per tenere sotto controllo i veri interessi,ha imposto che la Juve avesse come sponsor una toppa sulla maglia. Domanda: ma chi nel mondo compra una maglia a strisce con una toppa gigante? Dov’è la lungimiranza, la sapienza commerciale? Inesistente., di fatti il marchio Juventus a livello internazionale è inesistente e questo è dovuto a 80 anni di malgestionee MANCATI INVESTIMENTI più di qualunque proprietà sportiva non solo calcistica al mondo.
    Il Manchester United per avere i ricavi odierni da sponsor, stadioper avere quei ricavi ha investito per anni e anni nel merchandising e nel rapporto tra i tifosi (non solo della città) ee la squadra, anche quando non vincevano un tubo per quasi 25 anni, dove sono finiti anche nella b inglese. A Torino la famiglia Agnelli ha fatto semplicemente la contabilità dei diritti tv e ha incassato i soldi della quotazione in Borsa .
    Non ci vuole un genio nel capire che:Il logo del Manchester United è molto adatto a livello commerciale:
    -I colori del manchester United sono molto “vestibili”
    -La loro politica è più improntata verso abbigliamento “da tutti i giorni”
    Tutto il contrario di quello che avviene per il marchio, e la maglia Juve , e cosa fanno a Torino ci mettono pure una toppa oppure come 2 anni fa si inventano le stelle incollabili.
    Lo United ha i migliori manager mondiali per quanto riguarda il settore finanziario e di valorizzazione marchio, che peraltro non sono nemmeno più pagati del presidente della Juventus e di tutti gli altri dirigenti,pensate a tutti i soldi incassati da Giraudo, Cobolli, Blanc, e da A.Agnelli pensate alla quotazione in Borsa con cui casa Agnelli sè messa in tasca oltre 100 milioni di euro, l’1% dei tifosi juventini ne è cosnapevole ed è questa è stata laloro forza in 80 anni di gestione..Sarà un caso che le maglie più vendute al mondo sono quelle senza strisce? E cosa fanno a Torino ci aggiungono una toppona gigante per mettere il logo Jeep,per dire proprio ,non ce ne frega nulla di vendere., Jeep che con la Juve ha fatto bingo visto che ha sponsorizzato in 3 anni per 4 soldi il club quanto il Napoli ha percepito da Msc e Lete.,
    Il marchio lo fa lo stadio di cui disponi , dal “vecchio comunale” al “delle alpi” al “nuovo olimpico” e ora lo “jstadium”: una sequenza colossale di tragici errori di valutazione e prese per i fondelli
    Il Manchester United ha il più bello (nel senso di pura bellezza calcistica tanto è vero che è denominato “il teatro dei Sogni”) stadio d’Europa costruito e sviluppato soprattutto mentre a Torino la famiglia Agnelli propinava alle pecore ignavi semrpe applaudenti all’avvocato che sorvolava con l’elicotero le loro teste,residenti e tifosi, strutture da terzo mondo calcistico (come quelle citate sopra) come è l’attuale Juventus stadium (se andate in SudAfrica gli stadi costruiti per il mondiale 2010 sono nettamente migliori dello jstadium,inutile parlare del Brasile) e di tutto il resto d’Europa.
    Lo United ha il Teatro dei sogni, il City che non vuole essere di meno sta ampliando il suo stadio messo in piedi solo 10 anni fa.Quindi,Dopo lo stadio ridicolo di 40 mila posti fatto con gli spiccioli 90 milioni di euro (è costato quasi quanto il supermercato, vero interesse dei politicanti attorno)che ha ha fatto deridere la Juventus in tutta Europa (ma come la Juventus, città di 900 mila abitanti, stadio 40 mila e 90 milioni di euro si chiede chiunque all’estero), A.Agnelli e i suoi amici (Francesco Calvo il direttore commerciale della Juventus quello che ha realizzato materialmente il contratto con adidas è un amico personale di Agnelli) fanno ancora una volta ridicolizzare deridere il club dinanzi a tutta Europa con la comparazione del contratto Adidas-United o Addias.-Bayern Munchen

    • Alessandro non sono cosi documentato come te ma dati alla mano la Juve pre Calciopoli era la Seconda come fatturato europeo e post calciopoli sta aumentando il fatturato di anno in anno.
      Mi sembri un po fatalista

  2. Cessione di barzagli per 500000 euro ;
    Cessione di pogba per un milione;
    Plusvalenza di immobile e acquisto di morata;
    Pirlo in regalo;
    Vidal strappato alle grinfie del bayern;
    Megluo tevez o higuain ( tevez ci e’ costato 1/4) ?;
    Giovani come bonucci e marchisio valorizzati e diventati veri e propri pilastri.
    Siamo sicuri che gli altri managers sono migliori?
    Siamo 10 anni avanti rispetto ai nostri competitors in italia.
    Siamo in finale di champions a descapito del real madrid ? Nulla ti viene regalato.
    Si conquista centimetri dopo centimetro.
    Nemmeno la promozione in A della juve dopo la serie B non e’ cosi’ facile come sembra… chiedete al Torino o alla nuova dirigenza del Bologna…

  3. basta Alessandro…claudio….e altri nomi che usi…dici sempre le stesse cose….basta…primo che l’ultima in premier prenda più della juve e’ una super panzana…e anche se fosse non ci si puo’ fare niente su questo…anche se poi non ha senso convertire sterline in euro..non essendo una misura univoca….in 6 mesi la sterlina si e’ rivalutata del 40% sull’euro..non per questo a loro e’ cambiato qualcosa…a parte essere più competitivi nel comprare fuori,..,.,ma i costi e gli acquisti interni ai nostri occhi sono lievitati lo stesso…anzi e’ meglio per noi che ci pagano in caso molto di più i giocatori….poi se torino ha 900.000 abitanti e lo stadio da 41.000 e’ troppo poco allora madrid che ha 4 milioni di abitanti…lo stadio da 85,000 fa ridere….e barcellona 2.5 mil con 98,000 e’ più piccolo in proporzione…poi discorsi senza senso….dovremmo cambiare maglietta per renderla più appetibile???ahahahha quella c’e dal 1905 e rimarra cosi per sempre….poi che la fiat paghi meno di quello che potrebbe non me ne importa niente e fanno bene.,…dovrebbero darci 200 mil all’anno e poi farci prendere la multa come il psg con lo sponsor qatar???

  4. vendono oltre il doppio delle magliette….giusto prendano altre il doppio….non ci vedo niente di male….poi la cifra del Manchester e’ dopata da un euro crollato del 35% negli ultimi 6 mesi…..calcola il valore in sterline….per loro 1 sterlina e’ un euro…vedi poi che per comprarsi giocatori inglesi devono spendere 40 mil di euro per giovani non campioni….il reddito medio di un inglese e’ oltre il doppio di un italiano….stesso in germania,,,,

  5. Ma tutte quelle stronzate scritte o copiate da qualke articolo di quel tale,dovrebbe spiegarmi quale altra squadra italiana ha gli stessi introiti della Juventus ; se poi pensiamo a quello che ha subito dal 2006 anno che è stata fatta andare politicamente da certa gente come questo tale onesto è da considerarsi un vero e proprio miracolo che si riesca a competere con certi club che oltre che le capacità di non vincere mai un cazzo ! Parlo dei club inglesi stanno a galla xche ‘ i proprietari sono arabi o petrolieri russi ! Si sciacqui la bocca prima di scrivere pirlate ! Sicuramente da interista !

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here