Circa un paio di anni fa, precisamente nel Giugno del 2014, l’Espanyol decise di cedere i diritti sulla denominazione dello stadio casalingo, che era conosciuto con il nome di Estadi Cornellà -El Prat, e che attualmente invece si chiama Power8 Stadium.

In quel periodo infatti, il club di Barcellona siglò uno degli accordi di sponsorizzazione più rilevanti del calcio spagnolo, con la Power8, azienda asiatica che si occupa di progettare dispositivi informatici e microprocessori. I dettagli dell’accordo, da una parte permettevano alla multinazionale cinese di avere i diritti sul nome dello stadio per 7 anni, dall’altra invece garantivano alla società introiti pari a 5 milioni annui, per un totale di 35 milioni di euro. Questo contratto fu una sorta di spartiacque per il calcio spagnolo, in quanto diede il la ad una serie di accordi molto simili a questo, tra le società e le aziende interessate ad avere maggior visibilità attraverso il mondo del calcio. Tuttavia adesso, sembra molto difficile che questa relazione possa continuare a lungo. Alla base di questa riflessione dei dirigenti del club, ci sarebbero alcuni visioni differenti sui pagamenti. L’Espanyol infatti ha fatto sapere che si aspetta una rivalutazione verso l’alto dell’attuale contratto, in quanto adesso il club ha un valore sicuramente più alto rispetto a quello che aveva al momento della firma. Sembra inoltre che gli stessi dirigenti abbiamo fatto sapere alla multinazionale cinese che se non si trova una soluzione valida, il club è intenzionato a valutare l’ipotesi di interrompere l’accordo siglato nel Giugno 2014. Lo stadio è situato a circa 10 kilometri dal centro di Barcellona, è facilmente raggiungibile grazie ai servizi di metrò e tram. Il Power8 Stadium inoltre, è stato inaugurato nel 2009 e ad appena un anno di distanza ha vinto il premio come miglior impianto sportivo del 2010, è uno dei più moderni in Spagna e rispetta completamente le norme imposta dalla Uefa, motivo per cui è stato inserito nella categoria degli stadi a 4 stelle.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here