Arriveranno tutti nello stesso weekend, ora più, ora meno. L’intenzione è la stessa: prendersi il club. I due acquirenti del Milan Mr Bee e Richard Lee sono attesi a Milano in questo fine settimana, che potrebbe rivelarsi decisivo per il futuro della società rossonera. Non è un mistero che domenica (si era detto forse addirittura venerdì, ma l’ipotesi del 26 resta la più probabile) Bee Taechaubol sarà in città per incontrare Berlusconi e discutere della proposta sulla quale c’è già un pre-contratto.

La novità riportata dalla Gazzetta dello Sport riguarda invece il concorrente di Bee, l’uomo d’affari di Hong Kong Richard Lee, dietro il quale si celerebbe una cordata di arabi e cinesi pronti ad acquistare subito il 75% del club. Stando a quanto riporta la rosea, anche lui sarebbe vicinissimo a chiudere la due diligence (il controllo dei conti del club) e per questo potrebbe accelerare le operazioni. Prendendo un volo per il capoluogo lombardo già in questi giorni. Anche perché Mr Bee ha fatto capire di avere una certa fretta. E ha tutta l’intenzione di sedersi a trattare con Berlusconi in esclusiva, senza la preoccupazione di un avversario di cui non conosce bene identità e mosse.

E la fretta di Bee – che poi diventa anche di Berlusconi – è determinata anche dal precontratto tra i due. Il 30 aprile scadrà l’accordo preliminare che avevano firmato le parti in causa. Se Silvio non avrà venduto, potrebbe dover pagare una penale del 10% (su un’offerta di 500 milioni per il 60% del club). Risulta chiaro che Berlusconi tirerebbe fuori questi soldi solo se avesse la garanzia che l’altra offerta, quella dei cinesi, sia reale. E superiore a quella di Bee. Che è in pole position, certo, ma sul quale resta un alone di scetticismo da parte della dirigenza milanista al completo.

Dunque ora tocca a Berlusconi organizzare l’agenda degli incontri e capire chi dei due fa sul serio. Sempre che non spunti fuori qualche altro potenziale investitore. Addirittura più misterioso dei due precedenti.

PrecedenteI giocatori del Parma si dimezzano lo stipendio
SuccessivoBilancio FilmAuro, utile di gruppo a 24 milioni grazie al Napoli
25 anni, milanese, giornalista professionista freelance. Liceo classico, studi umanistici e poi il master in giornalismo alla Walter Tobagi. Ho lavorato per Sportmediaset, Telelombardia, Goal.com, Datasport e Milanotoday.