“Vogliamo che Carlo sia il Ferguson del Real Madrid”. Questa frase, secondo il quotidiano spagnolo Marca, sarebbe stata pronunciata da Florentino Perez, ormai definitivamente conquistato da Carlo Ancelotti. Nessun presidente nella storia del club ha mai vinto quattro titoli in un anno solare (Champions League, Coppa del Re, Supercoppa Europea e Mondiale per club) e il tecnico di Reggiolo avrebbe ormai dissipato anche gli ultimi dubbi che lo hanno accompagnato in alcuni momenti della sua esperienza madrilena.

In un paio di occasioni, dopo la finale vinta a Lisbona e poi dopo la doppia sconfitta a inizio stagione con Real Sociedad e Atletico Madrid, il futuro di Ancelotti al Real è stato in bilico ma Perez ne ha sempre preso le difese e il rapporto fra i due è più solido che mai. Non a caso l’accordo per il rinnovo del contratto per un altro anno, fino al 2017, è da considerarsi cosa fatta ma potrebbe arrivare anche oltre.

Del resto ognuno è rispettoso del ruolo dell’altro: il tecnico non si lamenta delle scelte di mercato né di marketing (vedi l‘amichevole da giocare a Dubai il 30 dicembre) e il presidente sa quando è necessario un suo intervento per blindare la posizione di Ancelotti. Perez è anche entusiasta del lavoro che l’allenatore italiano ha svolto all’interno dello spogliatoio: “non e’ mai stato cosi’, mai”, ha ammesso il massimo dirigente dei blancos. Ecco perche’ l’idillio sembra destinato a durare a lungo.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here