Dopo aver apparentemente seguito con pazienza le accuse di corruzione fatte dai media, che intorno all’offerta sulla Coppa del Mondo del 2022, gli organizzatori del Qatar hanno consegnato la loro difesa più forte vista fino ad oggi, collegando direttamente le accuse alla tempistica dell’indagine in corso condotta dal comitato etico e dal procuratore della FIFA Michael Garcia. Fino ad ora i funzionari del Qatar hanno reagito con brevi e ferme confutazioni in relazione ai loro rapporti con Mohamed bin Hammam e ai imbrogli in un presunto tentativo di conquistare i voti necessari ad ospitare l’edizione 2022 della Coppa del Mondo. Oggi il Sunday Times ha citato un rapporto di pre-voto commissionato dalla Fifa che, apparentemente, ha avvertito come l’aggiudicazione della Coppa del Mondo da parte del Qatar sarebbe stato collegata ad un serio rischio di azioni terroristiche. Da parte sua, Garcia ha rivelato al Congresso FIFA settimana scorsa che era già a conoscenza di molte delle rivendicazioni del quotidiano britannico, che inizialmente erano incentrate sui pagamenti fatti da Bin Hammam, per un totale di 5.000 mila dollari, principalmente a funzionari africani, in cambio del loro sostegno alla richiesta del Qatar.

La risposta araba

In un vigorosa e lunga dichiarazione il Comitato Supremo del Qatar sulla Legacy ha detto che le affermazioni sono state pubblicate deliberatamente poco prima che i membri del suo team incontrassero Michael Garcia in Oman poche settimane fa. Il team di offerta del Qatar ha detto di non aver parlato fino ad ora per non pregiudicare le indagini in corso e di aver “cooperato in modo del tutto aperto e trasparente”; il Qatar ha ammesso per la prima volta che le “strade si erano incrociate” con bin Hammam, ma ha detto che questo era perfettamente normale dato i suoi vari ruoli nella Fifa. “Dato che il signor Bin Hammam era un membro del Comitato Esecutivo della Fifa abbiamo dovuto presentare i nostri piani a lui e convincerlo che la nostra offerta fosse la scelta giusta per la Coppa del Mondo FIFA 2022 “, dice la nota. “Come il signor Bin Hammam è stato anche Presidente della Confederazione e membro votante, era importante per noi mantenere un rapporto di lavoro con lui. Niente di tutto questo era improprio. Speravamo, naturalmente, che il signor Bin Hammam potesse sostenere la nostra offerta, ma abbiamo sperato per la stessa cosa da ogni membro del comitato esecutivo”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here