Alle quattro di questo pomeriggio il futuro del Valencia verrà finalmente chiarito. Dopo mesi di trattative sulla vendita, oggi si saprà quanto veramente saranno disposi ad investire chi e’ interessato realmente ad acquisire la proprietà del club. Coloro che hanno inserito le loro offerte nelle buste le vedranno aprirsi proprio oggi e di conseguenza anche i tifosi del Valencia sapranno in quanti vorranno salvare il loro amato club.
Il processo è iniziato ai primi di dicembre e, dopo aver subito molti ritardi, si dovrebbe chiudere il prossimo maggio. Questo è infatti il periodo in cui il nuovo proprietario potrà assumere ufficialmente l’incarico.

Numero di offerte

La questione principale da risolvere oggi, e che doveva essere chiarita già il 15 gennaio scorso, e se vi sia qualcuno effettivamente interessato ad acquistare il Valencia in cambio di una cifra di quasi 90 milioni di euro ed a prendersi in carico anche i suoi debiti, compresi i 220 milioni con Bankia, che potrebbero essere rinegoziati.
Alla riunione della commissione sarà presente anche KPMG che lo scorso dicembre ha filtrato le offerte provenienti a Bankia e diventate poi vincolanti nelle ultime settimane. Una o due dovrebbero essere connesse a fondi di investimento con capitale straniero. Cerberus potrebbe essere una delle più forti, ma come detto non sarà l’unica; la proposta araba, invece, è stata seguita da una piccola limata nelle ultime settimane, mentre PriceWaterhouse potrebbe scndere in campo sponsorizzata da Salvo e sostenuta dal capitale asiatico di Wanda Group.
Dal governo, molto attivo nel processo di vendita, sono convinti che ci sarà almeno una proposta finale succulente.

La scelta del Migliore

Se dovesse arrivare un’offerta che vada bene a tutte le parti in causa, come previsto che accadrà ​​a questo punto, il processo viene semplificato. Ad eccezione di Amadeo Salvo, infatti, gli altri protagonisti coinvolti nelle trattative sono convinti che la vendita è l’opzione migliore per garantire un futuro al Valencia.
I problemi possono riemergere qualora dovessero uscire due offerte, lo scenario peggiore perché il presidente ha annunciato in questo caso una vera e propria battaglia.

Valencia, chi lo salverà?

Calendario

A seconda del numero delle parti interessate il processo rimarrà ancora vivo ed aperto fino al 15 aprile con la fase di studio e la valutazione delle offerte. In questo periodo, che potrebbe essere esteso ulteriormente, dovrà essere eletta
comunque l’offerta più interessante attraverso il voto congiunto di Bankia, del Governo e della Fondazione Valencia. 
La chiara scelta del nuovo papabile proprietario sarà ratificata in un’assemblea generale straordinaria da tenersi almeno 15 giorni dopo; allo stesso tempo la vendita sarà considerata chiusa e il nuovo consiglio di amministrazione potrà formare la nuova proprietà che potrà prendere quindi il controllo del club.
Così nascerà il nuovo Valencia, da questo processo di vendita che non prenderà forma fino al almeno alla metà del mese prossimo, quasi in coincidenza con la fine del campionato e, chissà, con la finale di Europa League che si terrà il 14 maggio a Torino.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here