L’ora X e’ scoccata ormai da 48 ore e della cessione del Brescia Calcio ancora non si sa nulla. Il tanto atteso bonifico da parte di Giampietro Manenti non è ancora arrivato e il club lombardo rimarrà per il momento nelle mani della famiglia Corioni.
Il Brescia ha rilasciato un comunicato nel quale si conferma la mancata ricezione del bonifico da parte dell’ad di Mapi Group che avrebbe dovuto dare via alla trattativa definitiva per il passaggio di proprietà delle Rondinelle da Gino Corioni all’imprenditore milanese. Nel comunicato si legge anche come l’assenza del deposito non faccia arenare comunque l’operazione e che i lunghi tempi di attesa non stanno facendo dimenticare al decano presidente biancoazzurro gli importanti impegni sportivi della propria squadra, come ad esempio la delicata trasferta di sabato a Lanciano.

Affari Manenti - Corioni, il tempo stringe
Affari Manenti – Corioni, il tempo stringe

La determinazione di Manenti

Intervenendo a Teletutto Manenti ha voluto sottolineare come la trattativa sia tutto fuorché lunga e che il bonifico e’ stato effettuato venerdì sera ed essendo internazionale ha dei tempo tecnici che non lo mostreranno effettivo almeno fino a giovedì. “Se non fossimo interessati al Brescia non ci staremmo lavorando da tre mesi con tutti questi professionisti” ha ribadito l’ad di Mapi Group, avendo iniziato il blitz per acquistare il club lombardo solo il 13 gennaio i tempi dell’operazione sembrano più che consoni alla sua delicatezza.