peter-lim-valenciaNon c’è solo l’uomo d’affari di Singapore Peter Lim ad aver presentato una manifestazione di interesse per il Valencia. Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo El Mundo, Bankia, l’istituto di credito esposto nei confronti del club per circa 300 milioni di euro, assistita dai consulenti di Kpmg, avrebbe ricevuto altre offerte, da due soggetti sulla cui identità vige ancora il massimo riserbo. Sembrerebbe, tuttavia, che uno dei due potenziali acquirenti sia americano, mentre che l’altro provenga dal medio oriente.

Secondo quanto riferito da El Mundo, entro la metà della prossima settimana Bankia dovrebbe decidere a quale soggetto concedere l’esclusiva nella trattativa. I tempi sono stretti anche per consentire ai nuovi proprietari del club di sfruttare la finestra di mercato di gennaio per procedere a un rafforzamento dell’organico del club. Questa, almeno, sarebbe l’intenzione di Lim, la cui offerta gode dell’appoggio del presidente del Valencia, Amadeo Salvo.

L’uomo d’affari di Singapore ha infatti chiesto a Bankia di prendere una decisione il prima possibile in quanto intende investire in modo massiccio nel calciomercato già nella sessione invernale. Secondo quanto dichiarato al quotidiano sportivo spagnolo AS, Lim, oltre ad investire per rilevare il controllo del club, sarebbe disposto a spendere subito almeno 50 milioni nell’acquisto di nuovi giocatori, per consentire al Valencia di recuperare posizioni nella classifica della Liga. Attualmente il club è infatti all’ottavo posto a 27 punti dal Barcellona capolista. Secondo indiscrezioni nel mirino di Lim ci sarebbe l’attaccante serbo del Manchester City, Edin Dzeko. 

Lim, che detiene una partecipazione anche nella scuderia di Formula Uno, McLaren, ed è socio di una catena di risoranti e bar tematici a marchio Manchester United in Asia, nel 2010 aveva tentato senza successo di acquistare il Liverpool. Secondo quanto riportato dalla stampa spagnola a presentare Lim al presidente del Valencia Salvo sarebbe stato il super-agente portoghese Jorge Mendes.

La strategia di Lim, almeno sulla carta, sembra essere diametralmente opposta a quella del nuovo azionista di maggioranza dell’Inter, Erick Thohir. Quest’ultimo, infatti, nonostante le risorse investite per l’acquisto del club e il ripianamento di parte del debito, non è infatti intenzionato a spendere cifre folli per il rafforzamento della squadra, almeno nella sessione invernale del calciomercato. La priorità del magnate indonesiano è infatti quella di rendere finanziariamente indipendente il club nerazzurro, principalmente attraverso una crescita dei ricavi commerciali sul mercato asiatico. Un obiettivo che, come spiegato lo stesso Thohir, potrà essere raggiunto solo nel medio-termine.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here