Champions, ufficiali 28 club qualificati: Milan verso la terza fascia

Con il nuovo format della Champions League cambieranno anche i criteri per la compilazione delle fasce: ecco le previsioni in vista del 2024/25.

Fasce Champions League 2024 2025
(Foto: FABRICE COFFRINI/AFP via Getty Images)

Tra le tante novità alle quali tifosi e appassionati si dovranno abituare a proposito della nuova Champions League, c’è anche la modalità di compilazione delle tanto attese fasce. Si tratta della divisione in quattro “urne” delle formazioni partecipanti alla prima fase (32 fino a quest’anno e 36 dal 2024/25), che determinano le avversarie nella parte iniziale della competizione.

Fino alla stagione attuale, le fasce servivano per stabilire le quattro squadre di ognuno degli otto gironi del torneo. A partire dalla prossima stagione, con la cancellazione della fase a gruppi, le fasce serviranno per determinare le otto avversarie diverse che ogni squadra affronterà prima della fase a eliminazione diretta. Ma come cambierà la determinazione delle fasce a partire dalla prossima edizione di Champions League?

I piazzamenti in campionato serviranno ancora a stabilire le squadre che prenderanno parte alla massima competizione europea per club, ma laurearsi Campione d’Italia (così come d’Inghilterra, Spagna, Germania ecc) non farà più la differenza tra l’accesso o meno alla prima fascia (un aspetto non secondario, allo stato attuale, per sperare in un percorso più semplice in Champions League).

Fasce Champions League 2024 2025 – Come vengono divise le squadre

Come emerge da documenti ufficiali della UEFA, «le 36 squadre saranno suddivise in quattro urne da nove in base al ranking individuale stabilito all’inizio della stagione (coefficiente su cinque stagioni, inclusa la stagione precedente)». E qui arriva la novità, perché la «prima fascia in Champions includerà la squadra Campione d’Europa e le prime otto squadre nel ranking per club», mentre in Europa League la «prima fascia includerà le prime nove squadre classificate».

Una novità non di poco conto rispetto alle attuali modalità di costruzione delle fasce. In prima fascia – oltre ai campioni nazionali dei sei migliori campionati europei – non ci sarà più infatti neanche la vincente dell’Europa League, che manterrà il diritto di partecipare alla Champions League ma sarà inserita nella relativa fascia, sulla base del ranking.

«Le fasce 2, 3 e 4», invece, «includeranno tutte le altre squadre secondo il loro ordine di ranking», esattamente come è stato finora. Stabilite le varie fasce, ciascuna formazione sarà sorteggiata contro due avversarie da ognuna delle quattro urne, giocando per ogni urna una partita in casa e una in trasferta (anche in questo caso la scelta avverrà tramite sorteggio).

Fasce Champions League 2024 2025 – Le previsioni

Sulla base delle classifiche attuali nei campionati nazionali e del ranking quinquennale UEFA, Calcio e Finanza ha simulato le fasce della nuova Champions League, tenendo conto anche dei due posti aggiuntivi per Italia e Germania. La vincente della Champions League fa già parte della prima fascia, dal momento in cui le due finaliste sono già qualificate e certe della prima urna per questioni di ranking.

 

 

 

 

 

 

Le formazioni inserite sono quelle che occupano – nei rispettivi campionati – i posti che garantiscono l’accesso diretto alla UEFA Champions League. Il posto vacante della vincitrice dell’Europa League (l’Atalanta, già qualificata tramite la Serie A) è stato preso dal Benfica, mentre dalla finale di Champions dipenderà l’ultima formazione già ufficialmente alla prima fase. Se a vincere sarà il Borussia Dortmund, l’Eintracht entrerà come sesta tedesca. Se invece trionferà il Real Madrid, sarà lo Shakhtar Donetsk a entrare dalla porta principale.

Fasce Champions League 2024 2025 – Le italiane

Guardando solamente ai club italiani, l’Inter  è certa di essere in prima fascia, mentre Juventus Atalanta occuperanno la seconda. Il Milan sarà l’ultima squadra della seconda fascia tra quelle con accesso diretto alla prima fase. Questo significa che se dai playoff emergerà una squadra qualificata con ranking più alto di quello dei rossoneri, Leao e compagni scaleranno in terza fascia. Il Bologna sarà certamente inserito in quarta fascia, anche se per il momento si posiziona in terza considerando solo gli accessi diretti dai campionati.