Redbird, raccolti più di 4 miliardi per continuare a investire in sport e media

Il fondo statunitense di Gerald “Gerry” Cardinale, che controlla il Milan, ha concluso con successo diverse grandi operazioni nell’ultimo periodo.

RedBird investimento Paramount
Gerald "Gerry" Cardinale

RedBird Capital Partners, la società di private equity di Gerald “Gerry” Cardinale che controlla il Milan, ha rinnovato il suo arsenale di accordi con 4,7 miliardi di dollari (al cambio attuale, 4,3 miliardi di euro) per investire in più attività sportive, mediatiche e di servizi finanziari dopo due anni costellati di alcune transazioni di alto profilo. A riportarlo è il quotidiano statunitense The Wall Street Journal, riprendendo dati della SEC (Securities and Exchange Commission), l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza delle borse valori.

Attualmente, l’azienda di New York sta sostenendo Skydance Media, che sta negoziando l’acquisizione di Paramount Global. RedBird ha recentemente concluso l’acquisizione dello studio di produzione britannico All3 Media per 1,37 milioni di euro attraverso una joint venture denominata RedBird IMI, che vede come altro socio l’International Media Investments dello sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan.

Per Paramount è arrivata un’offerta di 26 miliardi di dollari, tutta in contanti, da parte di Apollo Global Management e di Sony Pictures Entertainment, che include l’assunzione di un debito, che si stima ammonti a 14,6 miliardi di dollari. RedBird ha sostenuto per la prima volta Skydance nel novembre 2019. Quest’ultima sta cercando di acquisire la partecipazione di Shari Redstone in National Amusements, che le darebbe il controllo di Paramount, proponendo inizialmente di pagare fino a 2 miliardi di dollari, e poi combinandola con Paramount.

Dopo aver ricevuto manifestazioni di interesse nel maggio 2022 per il suo quarto veicolo di punta, conclusosi con oltre 3,28 miliardi di dollari, compresi veicoli di coinvestimento e fondi paralleli, RedBird ha concluso investimenti nel gestore patrimoniale e consulente finanziario Arax Investment Partners, nel team di corse automobilistiche Alpine F1 del Gruppo Renault e nella creazione di EverPass, che trasmette partite in diretta ai bar e ristoranti attraverso la rete NFL Sunday Ticket.

Per quanto riguarda il ritorno dall’investimento, RedBird ha ottenuto rendimenti pari a più di tre volte il capitale investito attraverso le vendite di Compass Datacenter e dell’azienda di marketing di giocatori di calcio e baseball professionisti OneTeam Partners. Il fondo statunitense ha venduto, lo scorso anno, Compass a un’affiliata di Brookfield e al fondo pensionistico degli insegnanti dell’Ontario. L’operazione è stata valutata da PitchBook Data intorno ai 5,7 miliardi di dollari. RedBird ha investito nell’azienda a partire dal dicembre 2016 insieme a Ontario Teachers’.

L’azienda è uscita da OneTeam appena tre anni dopo aver contribuito a crearlo con un investimento di 125 milioni di dollari nel dicembre 2019 insieme alle associazioni di giocatori della Major League Baseball e della National Football League. Alla fine del 2021, RedBird ha acquisito la sua quota del 40% a circa 850 milioni di dollari, valutandola sopra i 2 miliardi di dollari. Alla fine del 2022, RedBird ha venduto la sua partecipazione in OneTeam a HPS Investment Partners, Atlantic Park Strategic Capital Fund e Morgan Stanley.

In un vortice così complesso di operazioni, ovviamente anche RedBird ha commesso degli errori. Per esempio, a marzo in quel di Londra è nato un caso politico per il tentativo della joint venture RedBird IMI di acquisire il quotidiano The Telegraph e la rivista Spectator. Le proteste, che si opponevano a una proprietà straniera per uno dei gruppi editoriali più importanti del Paese, ha portato RedBird IMI ad abbandonare il tavolo delle trattative.