La Serie A tira dritto sull’autonomia dalla FIGC: novità entro fine maggio

Da circa un mese una “commissione di saggi” è al lavoro per definire le vie per arrivare alla piena indipendenza della Serie A dalla Federazione.

Serie A autonomia FIGC
Lorenzo Casini (Foto: Andrea Staccioli / Insidefoto)

Dopo mesi di tensioni e botta e risposta tra Federcalcio e Lega Serie A, potrebbe fare un certo effetto vederle compatte dalla stessa parte della barricata. Ma chi pensa ad un armistizio non si deve illudere, non c’è nessuna tregua, nemmeno “armata”. La Lega Serie A ha deciso di combattere solo ed esclusivamente questa battaglia accanto a Gravina.

Nel frattempo, spiega La Gazzetta dello Sport, la Lega Serie A porta avanti quello che è il suo vero obiettivo: l’indipendenza dalla Federcalcio che avvicinerebbe il campionato al cosiddetto modello Premier League. Un concetto ribadito anche nel comunicato fatto dalle venti società a proposito dell’Agenzia governativa, diffuso prima dell’incontro in via Allegri. Il titolo era eloquente: «No ad agenzia governo, prosegue percorso autonomia da FIGC».

E il percorso prosegue con assoluta concretezza. Da circa un mese una “commissione di saggi” è al lavoro per definire le vie per arrivare alla piena indipendenza della Serie A dalla Federazione. Si tratta di cinque giuristi dal profilo altissimo, tra cui esperti di diritto sportivo internazionale (con esperienza al Tas di Losanna) e del rapporto tra ordinamento sportivo e leggi dello Stato (con un passato in Corte Costituzionale).

A loro il presidente Lorenzo Casini ha chiesto di presentare un documento entro fine maggio, ma i tempi potrebbero addirittura essere più stretti. Si tratterà di un documento sintetico sugli interventi normativi necessari sia rispetto ai codici federali (Statuto compreso), sia rispetto ad alcune leggi ordinarie che regolano certe dinamiche sportive. Il percorso non sarà facile, ma resta la convinzione che sia possibile e per dimostrarlo si sta procedendo a passo svelto.