Calciopoli, la Juventus: «Ricorso ritirato: chiesta compensazione spese di lite»

La società bianconera si era appellata al Consiglio di Stato contro la decisione del TAR del Lazio di non riconoscerle un risarcimento di oltre 443 milioni di euro.

Juventus Under 23 può retrocedere
(Foto: Jonathan Moscrop/Getty Images)

La Juventus ha deciso di abbandonare i vari procedimenti in corso inerenti a Calciopoli, ritirando il ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del TAR del Lazio del 18 luglio 2016. La conferma arriva direttamente dalla società bianconera, attraverso il bilancio consolidato chiuso al 30 giugno 2023. Nelle varie pagine del documento è presente, infatti, un paragrafo intitolato “Ricorso al Consiglio di Stato vs sentenza TAR del Lazio del 18 luglio 2016”.

Juve ricorso Calciopoli – La nota ufficiale della rinuncia da parte del club

«In data 7 novembre 2011 Juventus ha presentato ricorso dinanzi al TAR del Lazio domandando la condanna della Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC), al risarcimento del danno subito a causa dell’illegittimo esercizio dell’attività amministrativa, e dal mancato esercizio di quella obbligatoria, in relazione ai provvedimenti amministrativi adottati dalla FIGC relativi all’assegnazione del titolo “Campione d’Italia” alla F.C. Internazionale Milano S.p.A. per il campionato di calcio 2005/2006 (tra i provvedimenti, veniva impugnata la decisione del 18.07.2011 del Consiglio Federale della FIGC avente ad oggetto il rigetto dell’esposto presentato da Juventus di revoca in autotutela del provvedimento adottato dal Commissario Straordinario della FIGC con cui veniva assegnato il titolo “Campione d’Italia” 2005/2006 alla F.C. Internazionale Milano S.p.A.)», si legge nel documento.

«In particolare, Juventus domandava, a titolo di risarcimento del danno in forma specifica, la “non assegnazione ora per allora” del titolo di Campione d’Italia per il Campionato di calcio 2005-2006, con conseguente rimodulazione della classifica del campionato, e a titolo di risarcimento del danno per equivalente il pagamento di euro 443.725.200,00, oltre interessi legali dalla domanda al saldo. Il TAR del Lazio, in data 18 luglio 2016, ha respinto il ricorso di Juventus dichiarandolo in parte inammissibile e in parte infondato. Avverso tale decisione è stato presentato ricorso al Consiglio di Stato», recita ancora il club bianconero.

Juve ricorso Calciopoli – Le spese di lite

«L’Udienza dinanzi al Consiglio di Stato, fissata per il 28 febbraio 2023, è stata successivamente rinviata al 28 marzo 2023 e poi al 24 ottobre 2023. In data 13 ottobre 2023 Juventus ha notificato alle parti costituite atto di rinuncia al ricorso ex art. 84 cod. proc. amm., chiedendo la compensazione delle spese di lite. All’udienza del 24 ottobre 2023 la FIGC e la F.C. Internazionale Milano S.p.A. non si sono opposte alla rinuncia, rimettendosi al Collegio per la decisione in merito alle spese di lite», conclude la Juve.

Così la Juventus rinuncia ai 443 milioni di euro, più spese accessorie, sulla base del ricorso presentato contro la FIGC, mentre lo Scudetto del 2006 rimane definitivamente nella bacheca dell’Inter, che si è vista assegnare il titolo dopo le condanne di Juventus e Milan.