Osimhen soldi Lille
(Foto: Cesare Purini / Insidefoto, via Onefootball)

Il calcio è il nostro sport nazionale, ed è in grado di offrire un grande spettacolo, soprattutto per la pioggia di gol, ma non siamo i soli.

La Serie A è nota per offrire uno spettacolo spesso emozionante, soprattutto negli ultimi anni, per via dell’aumento dei gol segnati e per le prestazioni al cardiopalma offerte dal Milan lo scorso anno, e dal Napoli in questo campionato. In Europa, se si considerano le top competizioni, la Serie A figura nella lista delle più ricche di gol, con una media di 2,75 segnature a partita. Ovviamente non siamo i soli, e la classifica si allarga, se si considerano anche i campionati minori e quelli appartenenti al Sudamerica.

In quali campionati si segna di più?

L’Italia è attualmente terza nella classifica dei top campionati europei dove si segna di più, con una media di 2,75 gol a partita. Non a caso, fra le scommesse calcio più apprezzate troviamo proprio l’Over 2,5. Il terzo gradino del podio è nostro, e al momento è molto difficile impensierire le prime due classificate, ovvero la Spagna (dominatrice assoluta con una media di 2,90 gol a partita) e l’Inghilterra, con 2,86 segnature a match. Restando nella classifica dei campionati europei top, giù dal podio si trovano la Germania (2,66 gol a partita) e la Francia (media di 2,48 gol).

In realtà, se si considerano i dati dal 1 gennaio 2022 al 26 settembre 2022, la Bundesliga conquista la prima posizione con una media di 3,04 gol segnati a partita. La classifica aggiornata, dunque, potrebbe subire un forte scossone.

Non solo big: la classifica europea

Se integriamo i campionati considerati top con le competizioni europee di appeal minore, ovviamente la classifica cambia in modo radicale. E qui si nota una regola che in tanti già conoscono: le medie gol a partita più elevate appartengono ai paesi dove si gioca un calcio più “allegro” e sicuramente meno attento alla fase difensiva, anche per via del basso valore tecnico dei calciatori.

La classifica, non a caso, viene vinta con largo distacco dalla Svizzera, dove si segnano addirittura 3,4 gol a partita. Le eccezioni sono la Spagna e l’Inghilterra, che restano rispettivamente seconde e terze: qui, al contrario, fa la differenza l’elevatissimo tasso tecnico dei calciatori, considerando che si parla di campionati che ospitano gli attaccanti in assoluto più forti a livello globale. Il quarto posto viene occupato dal Belgio, con una media di 2,7 gol a partita, mentre al quinto posto troviamo il campionato cipriota, sempre con 2,7 gol a partita. Già detto dell’Italia, sesta nella classifica globale europea, al 7 posto troviamo l’Olanda ancora una volta con 2,7 gol a match.

La top ten viene chiusa dalla già citata Germania, ottava, dalla Danimarca con 2,6 segnature a partita (nona) e infine dal campionato ucraino, dove si segnano 2,5 gol a partita. Altri dati statistici curiosi riguardano anche i paesi dove si segna di meno. La Russia è “maglia nera”, con sole 2 segnature a partita, insieme alla Grecia (2,2) e al Portogallo (2,3).

PrecedenteDagli impatriati al betting, nuovi emendamenti di Lotito per il calcio
SuccessivoJuve: dal Sassuolo all’Atalanta, i club “partner” nell’indagine FIGC